#senzavoltisenzanome

Formia, omaggio artistico ai naufraghi, ma qualcuno porta via due braccia

L'opera di Lucia Simeone realizzata sulla spiaggia di Vindicio

FORMIA – Formia ricorda i naufraghi del Mediterraneo con un’opera dell’artista Lucia Simeone dal titolo: “Senza volti, senza nome” realizzata sulla spiaggia di Vindicio per il giorno di Santo Stefano (qui fotografata dalla sindaca di Formia Paola Villa che l’ha visitata).  Un’immagine fortemente evocativa quella proposta dall’artista “in memoria di chi ha perso la vita cercando la salvezza”.

L’opera, realizzata il 26 dicembre tra l’arenile e la battigia, è stata lasciata più del previsto vista la grande attenzione che ha suscitato, peccato però che – come racconta l’artista  – sia stata ritrovata “con due braccia in meno che forse qualcuno ha portato via perché le voleva come souvenir non accontentandosi delle conchiglie”.

Così, per evitare ulteriori danni, l’installazione viene ora smontata. “Per evitare la perdita totale degli arti, oggi è l’ultimo giorno che lascerò l’installazione montata”, ha scritto in un post su Fb Lucia Simeone spiegando anche che “questa prima sarà l’inizio di un progetto più ampio”.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto