la novità

Giustizia “riparativa” per i minori, il Consultorio di Latina diventa centro di riferimento per il Lazio

E' l'esito di un bando nazionale

Shares

LATINA – Il Consultorio familiare diocesano di Latina diventa Centro di giustizia riparativa e di mediazione penale minorile del Lazio  e gestirà (da un ufficio con sede a Roma) tutte le mediazioni penali minorili e le attività di giustizia riparativa della regione di competenza del Tribunale per i Minorenni di Roma.

La notizia è stata comunicata nei giorni scorsi dalla Regione Lazio, quando è stata pubblicata la graduatoria finale di un bando pubblico nazionale cui ha partecipato la struttura pontina Crescere Insieme che in questo campo ha esperienza ultradecennale.

«Noi abbiamo iniziato questo servizio nel 2006, collaborando con la Provincia di Latina, nell’ambito di un Protocollo con il Dipartimento giustizia Minorile; dal 2017 gestiamo anche l’Ufficio di mediazione penale e giustizia riparativa nella messa alla prova per gli adulti», ha spiegato l’avvocato Pasquale Lattari, coordinatore del servizio. Quel che è importante comprendere è che «il processo penale minorile è “un’occasione educativa” per il minore che ha commesso reati e che è in conflitto con la legge e con gli altri, con la messa alla prova e le attività di giustizia riparativa “ripara” o “cerca di riparare” le relazioni sociali e personali che il reato ha interrotto», ha continuato Lattari ricordando che il problema della diffusione della giustizia riparativa e degli indiscutibili benefici non è né giuridico né tantomeno giudiziario ma è un problema culturale.

«La mediazione penale è un’attività autenticamente e squisitamente cristiana: la ricerca dell’incontro con l’altro, con chi il reo ha offeso per chieder scusa (direttamente o indirettamente), che si coniuga con le finalità del Consultorio diocesano che assiste famiglie e minori. Tuttavia, è bene ricordare, la Giustizia riparativa è anche una attività profondamente laica e civile», ha concluso invece Vincenzo Serra, presidente del Consultorio.

In questo progetto, il Consultorio familiare diocesano sarà capofila di altri tre enti (Ismes di Roma, In Medias Res di Albano e Istituto Don Calabria) in quanto ente con più esperienza di servizio nella mediazione penale minorile nel Lazio.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto