cronaca

Gli sequestrano il figlio di pochi mesi per costringerla a prostituirsi

Una donna romana è finita in manette, ora si cercano gli sfrutattori

LATINA – E’ stata arrestata oggi dalla Squadra Mobile di Latina S. M., cittadina rumene del ‘92, domiciliata al centro di accoglienza Al Karama perchè responsabile del sequestro di un bambino di sei mesi per indurre alla prostituzione la giovane mamma.

La vittima è stata costretta a consumare rapporti sessuali a pagamento tra Roma e Latina, e costretta a versare il ricavato del meretricio ai suoi sfruttatori, che l’hanno anche picchiata selvaggiamente, colpendola con pugni ai fianchi ed al dorso, per aver tentato di sottrarsi ai soprusi.

Le indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato di Cisterna  hanno consentito di individuare nel centro di Al Karama il luogo di segregazione del piccolo, dove un immediato intervento ha consentito di rintracciare il minore, all’interno di una roulotte, sorvegliato proprio dalla donna arrestata.

La giovane e suo figlio saranno collocati in una struttura protetta. Sono ancora in corso accertamenti per rintracciare gli altri componenti il gruppo criminale.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto