lui

Nuove minacce a Omizzolo: “Con queste agromafie ci stai facendo perdere la pazienza”

Telefonata al giornalista che da anni svolge inchieste tra i braccianti agricoli

Shares

SABAUDIA – Nuove minacce al sociologo di Sabaudia Marco Omizzolo, stavolta sono state telefoniche e sono arrivate questa mattina come ha raccontato lui stesso in un post su Facebook.

“Qualcuno chiama alle 08.00 del mattino. Numero sconosciuto. Voce maschile e dialetto napoletano piuttosto marcato. Dice che devo smetterla di ‘rompere i coglioni con le mafie e tutte queste cazzate perché ci stai facendo perdere la pazienza’ (traduzione mia). Continua con altre minacce e accuse. Lo avverto (con toni e parole, devo dire la verità, poco carine) che denuncerò tutto alla polizia e che non mi faccio intimidire da nessuno. Lui dice ‘nu mme ne fotte nu cazz’ o qualcosa del genere. ‘Allora se sei così coraggioso dimmi come ti chiami’. Attacca subito dopo. Sono solo vigliacchi senza dignità”, commenta l’apprezzato giornalista che con le sue inchieste ha fatto emergere uno spaccato di illegalità e di sfruttamento dei braccianti agricoli che è stato base anche per importanti operazioni delle forze dell’ordine.

Immediato il tweet di solidarietà a Omizzolo da parte del sindaco di Latina Damiano Coletta: “A nome della comunità di Latina esprimo tutta la mia solidarietà a Marco #Omizzolo. Nessuno si deve sentire solo, nei propri ambiti, nella lotta contro la criminalità e le mafie. Forza Marco, siamo tutti con te!”

Omizzolo che il Presidente della Repubblica Mattarella a nominato Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, è autore di numerosi studi e ricerche condotte sul campo anche lavorando al fianco dei braccianti e di recente ha scritto il libro Uomini, donne e caporali nell’agromafia italiana (ed Fondazione Giangiacomo Feltrinelli).

2 Commenti

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto