attualità

Cgil, Cisl e Uil chiedono chiarezza sulla Roma – Latina

"Rimarchiamo l'importanza strategica dell'opera"

LATINA – “Si torna a parlare dell’Autostrada Roma – Latina, ma a questo punto è d’obbligo capire chi ne parla e come se ne parla. Le ultime dichiarazioni apparse sui giornali locali non rasserenano gli animi di chi veramente da anni lotta per la sua realizzazione. Infatti ancora una volta si ipotizza uno stravolgimento del progetto madre, per far posto ad un imprecisato cambiamento di indirizzi, volti al risparmio, e alla creazione di una improbabile opera intermodale”, lo scrivono i sindacati di Cgil, Cisl e Uil in un comunicato unitario e continuano: “Eppure qualche mese fa, la Regione Lazio , comunicava che la suddetta opera rientrava a pieno titolo in quelle opere strategiche e prioritarie, anche per il Governo. Una replica sostanziale del modello “Genova”,  con la nomina di un commissario straordinario, per la gestione degli appalti.  Rimarchiamo l’importanza strategica che l’Autostrada Roma – Latina, avrebbe non solo per la provincia di Latina ma per tutta la Regione Lazio. Non possiamo più attendere ulteriori studi e ritardi. Il bando di gara per la realizzazione dell’Autostrada Roma – Latina è chiaro e non può essere modificato da ulteriori progetti o varianti, che di fatto lo cambierebbero, riportandolo  indietro di anni. La travagliata vicenda dell’Autostrada Roma – Latina sembra non avere mai fine, ogni giorno qualcuno propone modifiche, ma la realtà è che tutti dovrebbero remare dalla stessa parte, ovvero battersi per attuare il progetto già esistente e di fatto parzialmente finanziato. La nostra unica  preoccupazione è che alla fine ancora una volta il territorio di Latina rimarrà isolato, spoglio di quelle infrastrutture essenziali che darebbero un nuovo impulso e attrattiva per lo sviluppo. Il progetto esiste e riguarda autostrada e bretella e dobbiamo portarlo a termine senza indugio e soprattutto senza ipotizzare continue ed inutili modifiche perché oltre ad essere irrealizzabili, potranno essere aggetto di ulteriori ricorsi dilatori. Pertanto chiediamo con forza che, chi di competenza, intervenga per fare chiarezza, relativamente alle ultime notizie apprese a mezzo stampa, dando garanzie reali che le promesse e gli annunci di qualche mese fa, non rimangano tali, deludendo ancora una volta un’intera comunità che attende da decenni. La politica deve dimostrare credibilità e serietà soprattutto in questo periodo così difficile che purtroppo ancora produce incertezza e precarietà. L’avvio dei lavori sarebbe una concreta dimostrazione di una ripartenza non solo economica che purtroppo ad oggi rimane ancora sulla carta”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto