adottato il vademecum

Scuola, la Regione Lazio ribadisce: “Lavoriamo per riaprire il 14 settembre”

Nessuno slittamento dopo la richiesta dei sindaci pontini che volevano posticipare a dopo il referendum

Shares

Nessun differimento dell’anno scolastico al 24 settembre come invece aveva chiesto il presidente della Provincia di Latina, Carlo Medici a nome anche dei 33 sindaci pontini, per evitare le costose doppie operazioni di sanificazione prima e dopo il voto referendario. E’ quanto sembra ormai aver deciso la Regione Lazio che in una nota spiega: “Con l’approvazione delle linee guida per il trasporto pubblico locale e del trasporto scolastico dedicato agli studenti, si completano  le misure e gli strumenti da adottare per la riapertura delle scuole. Il nodo del trasporto è stato sciolto dopo l’approvazione del vademecum dell’ Istituto Superiore di Sanità, delle linee guida sulla riapertura delle scuole definite nella Conferenza Stato-Regioni, l’accordo tra il ministero e le organizzazioni sindacali per la riapertura in sicurezza, le linee guida dedicate alla fascia d’età da zero  a sei anni, dopo lo sblocco delle assunzioni del personale docente e ATA fino agli interventi per i nuovi arredi delle aule”.

Le parole sono dell’assessore alla scuola Claudio Di Berardino che spiega: “Stiamo proseguendo con i controlli sanitari per tutto il personale scolastico e questi  si aggiungerà quello a campione sugli studenti. Tutte queste misure ci conducono alla riapertura delle scuole in sicurezza per il 14 settembre, per rimettere al centro il tema dell’istruzione e formazione per i nostri giovani e giovanissimi e per ridare un ruolo sociale alla scuola. Siamo in un passaggio storico nel quale ognuno per le proprie competenze deve continuare a impegnarsi per risolvere le problematiche ancora aperte. I soggetti coinvolti per la riapertura dell’anno scolastico sono molti: è come una catena di montaggio in cui è importante che ogni ingranaggio continui a fare la sua parte, dal Ministero, alla regione, dall’ufficio scolastico regionale alle provincie, ai comuni ai singoli istituti fino alle famiglie“.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto