su Radio Immagine

“Strade parallele”, il racconto di due migrazioni in terra pontina in bicicletta

Intervista all'autore del progetto Filippo Trojano

LATINA – Si chiama “Strade parallele” il progetto nato otto anni fa da un’idea del fotografo Filippo Trojano e racconta due migrazioni avvenute nel territorio pontino attraverso l’uso della bicicletta. “Le terre dell’agro Pontino – racconta Trojano – bonificate durante il fascismo da migranti venuti dal Veneto, il Friuli e le Marche, per essere da questi negli anni riscattate, sono oggi coltivate da altri migranti venuti dall’India, in prevalenza dalla regione del Punjub. Due migrazioni avvenute a distanza di 80 anni l’una dall’altra; due popolazioni con profonde differenze che si ritrovano a convivere nello stesso territorio, attraversandolo con lo stesso mezzo, la bicicletta”. Ed è proprio la biciletta a fare da filo conduttore all’intero progetto, minimo comune denominatore che unisce tutte queste vite diverse.

Ne abbiamo parlato con lo stesso fotografo su Radio Immagine

ASCOLTA

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto