IL VIDEO

Orrore al cimitero di Sezze: i morti profanati e spostati in tombe comuni – Gli arrestati

Omnia 2, nelle video intercettazioni ambientali, le mazzette

SEZZE – Spostava le salme mischiandole ai resti di altre per consentire la costruzione di nuove tombe in accordo con un funzionario del Comune. Prendeva ingenti somme di danaro dalle famiglie dei defunti per assicurare sepolture e riscuoteva tangenti dalle imprese interessate ad ottenere incarichi per lavori edilizi e di decorazione delle tombe che sarebbero spettati ad una società partecipata dal Comune. Rivendeva persino i fiori  utilizzati per altre cerimonie  funebri.

E’ finito in carcere oggi nell’operazione Omnia 2 l’ex custode del cimitero di Sezze, Fausto Castaldi accusato insieme con altre 10 persone a vario titolo di una sfilza di reati e di comportamenti raccapriccianti a cominciare appunto dalla distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, in concorso e continuata; di corruzione, di induzione indebita a dare o promettere utilità; peculato continuato; concussione in concorso; tentativo di minaccia o violenza in concorso per costringere a commettere un reato; e infine esecuzione di lavori in assenza del titolo abilitativo e in violazione del regolamento di polizia mortuaria.

In carcere è finito anche il dipendente comunale Maurizio Panfilio, mentre ai domiciliari si trovano  il figlio di Castaldi, Antonio,  titolare di un’impresa edile, i titolari di agenzie funebri Gianni e Giusino Cerilli, Alfredo De Angelis, Gianluca Ciarlo  e Fausto Perciballe, i marmisti Antonio e Francesco Fanella, l’imprenditore Andrea Redi.

 Altre 15 persone sono indagate nella stessa inchiesta e tra questi un ex maresciallo dei Carabinieri, un assessore, un ex consigliere comunale e un funzionario della polizia locale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto