via dei Matti n° 0

E’ di Cisterna l’accordatore dei pianoforti del programma Rai di Stefano Bollani

Il maestro Mauro Buccitti: "Ogni accordatura è una storia a sé". Nello show De Gregori, Baglioni, Zalone, Vanoni


CISTERNA – Chi frequenta il Festival Pontino lo conosce molto bene. E’ l’accordatore di fiducia della Fondazione Campus Internazionale di Musica e alcuni tra i più grandi artisti che hanno suonato al Castello di  Sermoneta o nell’Abbazia di Valvisciolo per la stagione estiva  vogliono soltanto lui per preparare al meglio i pianoforti per i loro concerti.

Chi segue la musica, classica e non, conosce inoltre, per fama, l’orecchio “assoluto” del maestro Mauro Buccitti, l’accordatore che vive a Cisterna e che, proprio da qui, si sposta per realizzare i desideri degli artisti più disparati. Stavolta è nel dietro le quinte del programma di Stefano Bollani e Valentina Cenni, Via dei Matti n°0, in onda da questa sera e fino a venerdì, in prima serata su Rai 3 (dalle 20,20 alle 20,45).

“Con Bollani c’è una collaborazione storica, preparai il pianoforte per il suo primo disco, ma allora, non era famoso come oggi”, racconta. In seguito, però, arrivarono altre occasioni e galeotto fu un pianoforte gran coda scelto ad Amburgo proprio dal Maestro Buccitti e di proprietà della ditta Alfonsi di Roma, concessionaria Stainway per centro Italia:  “Un pianoforte che viene spesso usato anche in provincia di Latina, al Campus, per le stagioni estive – racconta l’accordatore  –  Ebbene a Bollani piacque così tanto che decise di usarlo per il disco Jesus Christ Superstar rivisto in chiave jazz, con una accordatura particolare, con la frequenza a 432 HZ, che è un po’ la la frequenza dell’universo, la famosa accordatura aurea. Quindi, a dicembre dello scorso mi ha contattato tramite il suo fonico storico, il maestro  Roberto Orioli per la registrazione di quattro puntate che poi ho scoperto essere per la Rai”.

Un lavoro, quello dell’accordatore,  che ha certamente a che far con l’orecchio e con la tecnica, ma anche con la sensibilità di chi accorda: “L’umore delle persone cambia e il suono del pianoforte deve essere variato a seconda del momento. Non esiste un’accordatura standard, sono circa 70 le accordature e ognuna ha una sua impronta che è anche dettata dal momento: dalla temperatura, dall’umidità della sala, ma anche dall’umore, anche dal mio umore – racconta il maestro Buccitti –  perché queste accordature si fanno ad orecchio”.

Nel caso di Via dei Matti, oltre che per Bollani, i pianoforti sono stati accordati per Francesco De Gregori, Claudio Baglioni, Checco Zalone, Ornella Vanoni e tanti altri musicisti.

Ne abbiamo parlato su Radio Immagine

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto