bollettino 29 dicembre

Covid, 477 casi in provincia di Latina, boom a Formia. Morto un paziente di Aprilia non vaccinato

Riapre il drive in di Fondi

LATINA – Sono 477 i nuovi casi di covid riportati nel bollettino della Asl di Latina del 29 dicembre e al Goretti si registra la morte di un paziente anziano di Aprilia non vaccinato. Da evidenziare il boom di casi registrato a Formia dove sono emersi 48 positivi nelle ultime 24 ore (già in netto aumento nella giornata di ieri) e i numeri sempre alti di Latina con 133 e Aprilia con 73 casi. Impennata anche a Priverno dove destano preoccupazione i 28 nuovi positivi registrati. Anche a Fondi, dopo un periodo di sostanziale tranquillità, si evidenzia una progressione dei contagi e la forte richiesta di tamponi ha spinto la Asl a disporre la riorganizzazione del Drive-in locale che sarà aperto dal 3 gennaio.

Sul fronte dello ospedalizzazioni, con la capienza di posti letto esaurita, al Goretti è stato ricoverato un solo paziente, ma altri due sono stati trasferiti a Roma.

COMUNE PER COMUNE – I casi sono emersi ad Aprilia 73, Bassiano 1, Castelforte 2, Cisterna di Latina 17, Cori 5, Fondi 16, Formia 48, Gaeta 19, Itri 8, Latina 133, Lenola 2, Maenza 6, Minturno 10, Monte San Biagio 2, Pontinia 16, Ponza 2, Priverno 28, Roccagorga 2, Rocca Massima 2, Roccasecca dei Volsci 1, Sabaudia 14, San Felice Circeo 7, Santi Cosma e Damiano 2, Sermoneta 4, Sezze 19, Sonnino 3, Spigno Saturnia 2, Terracina 33. Sono 44 le guarigioni.

E con il numero di casi appena descritto, con una media giornaliera a tre cifre da giorni, è in affanno  l’attività di tracciamento svolta dal Dipartimento di prevenzione della Asl di Latina (in foto la Sala tracciamento) che ogni giorno effettua centinaia di chiamate per ricostruire i link la maggior parte dei quali lavorativi e familiari nel tentativo di individuare possibili contagiati ed evitare la loro circolazione inconsapevole.

Sale ancora il numero di vaccinazioni somministrate, in tutto 5594:  446 prime dosi, 608 seconde e 4540 dosi booster.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto