la settimana santa

Messa del Crisma a San Marco, Crociata rinnova “l’invito ad alzarci”

Consacrato il Crisma e benedetti gli oli che saranno distribuiti nelle parrocchie

LATINA – Dopo la Messa crismale, entra nel pieno la Settimana Santa. Ieri sera il vescovo Mariano Crociata ha presieduto nella cattedrale di S. Marco, a Latina la celebrazione alla quale sono convocati in particolare tutti i presbiteri incardinati nella diocesi pontina, i quali hanno rinnovato le loro promesse pronunciate durante l’ordinazione sacerdotale. Inoltre, sempre durante questa Messa il vescovo ha consacrato il Crisma (per il Battesimo, Confermazione e Ordine sacro) e benedetto gli oli per i Catecumeni e per l’Unzione degli infermi. Gli Oli santi saranno poi distribuiti tra le parrocchie della diocesi per la celebrazione dei sacramenti.

Crociata nella sua omelia ha ricordato “l’invito ad alzarci, a rimetterci in piedi, risuona in una forma nuova e con una consapevolezza maggiore in questa celebrazione” e che “siamo chiamati a dare consistenza umana e sociale al vangelo e alla fede di cui viviamo”.  Riparazione, ricostruzione e rianimazione sono i tre processi da attivare: ” A fronte del disagio che affligge tanta umanità attorno a noi  ha ricordato il vescovo di Latina – ci è chiesto di cercare rimedio, dare sollievo, portare aiuto, infondere fiducia e speranza (riparazione)… e dobbiamo aver cura non solo dei marginali e degli offesi in qualunque modo dalla vita; dobbiamo aver cura anche del corpo sociale nel suo insieme, perfino nella sua parte più tranquilla e solida, perché si ricostituisca un tessuto sociale e civile nel quale il rispetto della persona sia al centro (ricostruzione)…. Di qui il terzo nome, e cioè rianimazione. Esso corrisponde al bisogno di immettere vitalità, cioè Spirito santo, in un corpo sociale stanco, lacerato e tendenzialmente in dissoluzione, a cui a volte assomiglia perfino il corpo ecclesiale”.

Stasera, dopo la lavanda dei piedi sempre nella Cattedrale,  i Sepolcri e domani la Via Crucis che si terrà in molti comuni alcuni dei quali con una particolare tradizione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto