mobilità

Prossima fermata: Latina sostenibile, 732mila euro al progetto del Comune che vuole rendere più green la vita dei cittadini

Ciclofficine nelle scuole, taxi collettivi e auto condivise per gli spostamenti casa scuola e casa lavoro

0 431 12
L'assessora Cristina Leggio

L’assessore Cristina Leggio

 

LATINA – Prossima fermata: Latina sostenibile. Non è più il sogno di un gruppo di illusi, ma un progetto ben preciso che ha ottenuto un finanziamento del Ministero dell’Ambiente da 732mila euro con i quali Latina potrà sperimentare la condivisione intelligente dell’auto privata; dotarsi di taxi collettivi e di un bike sharing studiato a misura per i ragazzi, oltre che di ciclofficine da realizzare nelle scuole  superiori perché in autogestione gli studenti possano riparare, rigenerare o anche costruite la propria bici. Una piccola rivoluzione della mobilità che si unisce alla recente novità del car sharing elettrico.

La stelletta è appuntata sul petto di Gianfraco Buttarelli, assessore all’urbanistica e ai trasporti del Comune di Latina e della collega Cristina Leggio, che si occupa di Città Internazionale e Programmazione europea, Politiche giovanili, Università,  Innovazione e ricerca. Sono loro ad aver studiato e proposto Latina sostenibile che oggi figura tra i 14 approvati e finanziati per il Programma nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro.

Per presentarlo si è formata un’associazione temporanea d’imprese composta da Sistema srl, Cras srl, Movesion srl, Euromobility srl di Roma, BeePooler srl di Rho, Elaborazioni.org di Bari. “Ha come obiettivo  – spiegano dal Comune – la promozione di una nuova cultura della mobilità, responsabile e consapevole, attraverso interventi sul territorio finalizzati a sensibilizzare la cittadinanza all’uso di forme di trasporto alternative negli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro”.

«La figura centrale che il progetto intende istituire – spiega la Leggio – è quella del Mobility Manager, nel Comune, nelle scuole e nelle fabbriche. Il progetto include poi l’attivazione di una serie di servizi: «Parlo del “car pooling” – continua Leggio – ovvero la condivisione intelligente dell’auto privata attraverso l’utilizzo di un’applicazione per smartphone; il taxi collettivo, un servizio sperimentale di navetta destinato al trasporto di più persone; servizio per le scuole di sharing di bici pieghevoli e realizzazione di ciclofficine negli istituti superiori. Il tutto nel solco dei principi promossi dall’Amministrazione nell’ambito dell’economia circolare e della mobilità sostenibile».

Il decreto della Direzione Generale Clima-Energia firmato dal ministro Gian Luca Galletti è stato presentato oggi nel corso della 34esima assemblea Anci di Vicenza e ripartisce tra i Comuni 35 milioni di euro complessivi.

 

 

Notizie in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *