Bilancio/Casa Pound, sconcertati dalla decisione di Nardone

Shares

Lo stabile Ex Enel occupato da Casa Pound

LATINA – Dopo l’approvazione del bilancio comunale di Latina, si dicono sconcertati gli aderenti a Casa Pound per la decisione del Commissario Prefettizio Guido Nardone di non procedere all’acquisto dello stabile ex Enel ormai stabilmente occupato dall’associazione che ne ha fatto un attivo centro di iniziative.

“Comprendiamo  – scrivono in una nota – le ragioni che hanno portato Nardone a questa decisione visto il dissesto economico in cui si trova il Comune di Latina ma ciò che davvero non capiamo è come sia stato possibile ignorare il nostro progetto che ci vede impegnati nel sociale della nostra città da quattro anni”. 

“Caro Commissario  – continua la missiva – la vogliamo mettere a conoscenza che la nostra associazione di Promozione sociale ha dato un tetto a più di 50 persone in emergenza abitativa molte delle quali segnalate dai servizi sociali del Comune e che ancora risiedono nella struttura. Ospita da oltre due anni il gruppo soccorso pontino della Protezione civile, ha riqualificato un palazzo in pieno centro cittadino abbandonato da oltre 10 anni e divenuto luogo di spaccio e degrado. Abbiamo creato al suo interno una biblioteca, una libreria, una palestra popolare, una sala conferenze, una postazione internet gratuita un luogo di aggregazione giovanile a tutti gli effetti. Casapound ha organizzato concerti, feste ed eventi culturali aperti a tutto il quartiere, raccolte giocattoli per i bambini di pediatria dell’ospedale Santa Maria Goretti e per le case famiglia della Provincia di Latina. E’ stata la prima associazione della città a far arrivare beni di prima necessità alle popolazioni terremotate d’Abruzzo. Tutto questo senza mai chiedere un centesimo. Non crede che questo sia sociale? Non crede che questa sua decisione possa mettere in pericolo quanto di positivo è stato fatto e ancora si potrebbe fare?”

“La nostra richiesta  – concludono  – non è quella di un acquisto dell’immobile per soddisfare le nostre esigenze personali bensi la possibilità di creare una struttura che possa accogliere cittadini italiani in emergenza abitativa grazie anche al sostegno delle istituzioni.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto