Medaglia d’argento al valore civile, le celebrazioni per i 51 anni a Cisterna

E’ stata una cerimonia semplice ma solenne quella che si tenuta domenica mattina a Cisterna per la celebrazione dei cinquantuno anni  dal conferimento della Medaglia d’Argento al Valore Civile alla popolazione di Cisterna a seguito degli eventi bellici del 1944.

La cerimonia ha preso il via alle 10,00 quando in Piazza 19 Marzo si è tenuto il raduno del corteo che ha poi raggiunto Piazza Amedeo di Savoia e reso omaggio, con la deposizione della Corona d’Alloro, ai Caduti di tutte le guerre. Il corteo si è poi spostato in Largo Alfonso Volpi, presso il Monumento alle Vittime Civili, per la deposizione della Corona di Alloro ed infine in Piazza Caetani dove è stata deposta la Corona sul Monumento dell’Esodo dei Cisternesi.

Erano presenti le autorità civili e militari, varie rappresentanze delle associazioni di volontariato, d’Arma con i propri labari, e la Banda musicale Città di Cisterna che si è esibita in testa al corteo sfilando per le vie e piazze del centro.

Infine, dinanzi allo storico Palazzo Caetani, che fu rifugio e riparo per molti cisternesi durante i devastanti bombardamenti bellici, è stata letta la motivazione per l’attribuzione della Medaglia d’Argento al valore Civile: “Con animo fierissimo sopportava numerosi bombardamenti che causarono morti e distruzioni dando nobile esempio di strenuo coraggio e di devozione alla Patria”.

“Non ha importanza se la Medaglia sia d’Oro o d’Argento – ha detto il presidente Provinciale dell’Istituto del Nastro Azzurro, Luigi Casalvieri –. Cisterna deve essere fiera del sacrificio e della sua rinascita, della Medaglia d’Oro al Valore Militare conferita ad un suo cittadino”.

“Cisterna non dimentica i suoi dolori, i suoi sacrifici, i suoi lutti causati dalla guerra – ha detto il Sindaco Antonello Merolla -. Il conferimento della Medaglia riconosce tutto questo e noi oggi siamo qui a celebrare questo evento e a rinnovare alle giovani generazioni i sacrifici dei propri avi”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto