AUDIO e GALLERY – Lotta alle leucemie, la ricerca parte da Latina.

LATINA – Obiettivo centrato per l’associazione “Comitato per la vita Gianfranco Alessandrini”. E’ stata consegnata ieri pomeriggio con alle 18, nella sala conferenze dell’Ordine dei medici di Latina, la prima borsa di ricerca intitolata alla memoria di Gianfranco Alessandrini. Ad ottenerla i ricercatori del laboratorio di Citogenetica e genetica onco-ematologica dell’Università di Perugia.

“Da un grande dolore possono nascere cose positive e quella di ieri è stata una festa nonostante la triste ricorrenza”, spiega Annalisa Muzio compagna di Gianfranco e presidente dell’Associazione fondata un anno fa con un gruppo di amici.  Trecento gli iscritti reali, 600 i virtuali (su Facebook) e tanti progetti per il futuro: ASCOLTAaudioannalisa muzio]

L’ESEMPIO DI GIANFRANCO – La data scelta per la consegna del della prima borsa di ricerca non è stata casuale, ricorrendo ieri  il primo anno della scomparsa di Gianfranco Alessandrini, morto a causa di una grave forma di leucemia. Da quel giorno i suoi familiari e suoi amici, dando seguito al grande esempio di Gianfranco che per quasi un anno aveva lottato contro la malattia, in collaborazione con il Comitato per la vita Chianelli e l’Ospedale Silvestrini di Perugia, hanno dato vita al “Comitato per la Vita Gianfranco Alessandrini”, con l’intento di sostenere i malati e i loro familiari, ma soprattutto di incentivare la ricerca nella cura dei tumori del sangue presso la struttura umbra, considerata un polo di avanguardia a livello mondiale. Proprio per questo si è creato un ponte tra Latina e Perugia ed  è stata istituita la borsa di ricerca ‘Gianfranco Alessandrini’, grazie alla quale un ricercatore dell’Università di Perugia potrà portare avanti un apposito progetto di ricerca finalizzato ad arricchire le analisi genomiche per la corretta diagnosi dei pazienti con leucemie e linfomi.

SPAZIO AL DIBATTITO –  Ad illustrare lo stato attuale della ricerca è intervenuta  la professoressa Cristina Mecucci, responsabile del Laboratorio di Citogenica e genetica molecolare dell’Università di Perugia, la dottoressa Caterina Matteucci, ricercatrice dello stesso laboratorio, Luciana e Franco Chianelli, rispettivamente presidenti del comitato per la vita Daniele Chianelli e dell’A.D.M.O Umbria. Ha moderato gli interventi la dottoressa Rita Salvatori, direttore di Medicina Nuclaere ASL Latina.

[flagallery gid=33 name=”Gallery”]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto