Pdl, Bianchi scrive ai vertici del partito: “Cirilli non è il rinnovamento”

Il vice coordinatore del Pdl, Vincenzo Bianchi

LATINA – Ha preso carta e penna e ha scritto  una lettera aperta all’On. Francesco Aracri, Commissario Pdl Latina, al Sen. Claudio Fazzone, Coordinatore Provinciale Pdl e all’On. Vincenzo Piso, Coordinatore Regionale del partito, il vice coordinatore del Pdl di Latina, Vincenzo Bianchi.

Bianchi se la prende con i vertici del partito, per via di quel nome che continua a circolare,  Fabrizio Cirilli, candidato sindaco per il Pdl a Latina: “Non posso permettere che al PdL vengano impartite lezioni di etica e di politica come sento da pubbliche dichiarazioni rese da rappresentanti del polo civico”, scrive.   

IL TESTO INTEGRALE della LETTERA – “Il dibattito politico in corso in vista delle elezioni nel capoluogo sta assumendo degli aspetti che ritengo inaccettabili laddove risulta messo in discussione il valore del PdL unito e come partito portatore di una cultura di governo. La mia militanza fin dalla sua costituzione in Forza Italia, prima, e nel PdL, poi, mi impedisce soprattutto di accettare che oggi il partito possa essere messo sotto accusa in maniera indiscriminata e strumentale, mentre la bandiera del presunto rinnovamento venga sventolata dalle liste civiche raccolte intorno a Fabrizio Cirilli, facendo leva su una altrettanto demagogica presentazione di un codice etico.

Ho sostenuto sempre con onestà, lealtà e coerenza, dapprima Forza Italia oggi il PdL e ricoperto cariche istituzionali, amministrative e di partito che mi lusingano e inorgogliscono ma non posso permettere che al PdL vengano impartite lezioni di etica e di politica come sento da pubbliche dichiarazioni rese da rappresentanti del polo civico.

Ho sottoscritto con convinzione il documento stilato giovedì scorso dal partito per procedere alla individuazione del futuro candidato sindaco, documento in cui si prefigura un candidato espressione del PdL e, solo successivamente e per raggiungere un obiettivo elettorale e programmatico, prospettando il ricorso ad una figura esterna al partito espressione di un raggruppamento civico. In questo secondo caso auspico che la scelta, ammessa anche dal commissario On. Francesco Aracri, sia condivisa preventivamente con tutto il partito, cosa che ad oggi non è ancora avvenuta.

Con l’incarico avuto e portato a termine come quello delle linee di indirizzo del programma, per il quale ringrazio coloro che hanno inteso collaborare, ho confermato la mia volontà di lavorare per il bene e l’unità del partito e sono convinto che ancora oggi sia possibile trovare una soluzione condivisa in un PdL pontino che dovrà dar seguito ai consensi finora ottenuti nei vari appuntamenti elettorali, palesando capacità di governo e senso di responsabilità”.

Vincenzo Bianchi

Vice Coordinatore PdL Latina

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto