Formazione dei docenti, la Cisl scuola informa sulla nuova normativa

LATINA – Cambiano le modalità di accesso alla professione di insegnante. Il nuovo Regolamento sulla formazione iniziale degli insegnanti (in vigore dal 15 febbraio con decreto ministeriale 10/09/2010, n. 249) definisce i percorsi di studio a livello universitari richiesti d’ora in poi per l’accesso alla docenza nelle scuole di ogni ordine e grado.

«Coloro che vogliono diventare docenti – spiegano dalla Cisl scuola di Latina – dovranno iscriversi a corsi di laurea (specifici per le varie discipline) finalizzati all’insegnamento. Al conseguimento della laurea magistrale potranno poi ottenere l’abilitazione all’insegnamento attraverso la frequenza dei corsi di Tirocinio Formativo Attivo (TFA), che sostituiscono i corsi Ssis, ormai non più attivi. Anche il TFA, come d’altronde la SISS, prevede prove di accesso da superare per entrare a far parte del numero chiuso dei partecipanti al corso abilitante. Per coloro che sono già laureati e per quelli attualmente iscritti all’università è prevista una fase transitoria che contempla solo il TFA».

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca vuole far partire le nuove lauree e i nuovi percorsi di abilitazione (TFA) già dal prossimo anno accademico. La Cisl Scuola di Latina, in collaborazione con la facoltà di Economia dell’università La Sapienza-polo pontino, terrà degli incontri pubblici finalizzati a informare sulle nuove procedure di abilitazione, aperti alla partecipazione di docenti precari, studenti universitari, ragazzi all’ultimo anno di scuola superiore e di chiunque sia interessato a conoscere le novità.

Gli incontri si svolgeranno secondo la seguente calendarizzazione: l’11 aprile a Latina, presso la facoltà di Economia, in viale XXIV Maggio, dalle 16 alle 18.00; oggi, 5 aprile, a Formia, nell’aula magna dell’ITC  “ Filangeri”, in via della Conca, dalle 16 alle 18; l’8 aprile, sempre dalle 16 alle 18, a Terracina, presso l’ITC “Bianchini”, in via Vittorio Marandola

 

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto