Sabrina Marangon (Api): “Il mio buon governo in 13 punti”

Sabrina Marangon (candidata nella lsita dell'API)

LATINA – La candidata al consiglio comunale di Latina per l’API, Sabrina Marangon, illustra in una nota i punti che ritiene fondamentali per il buon governo della nostra città. Riceviamo e pubblichiamo

“Il primo punto fondamentale che deve guidare la pubblica amministrazione, secondo me è : Mettere la famiglia al centro di OGNI decisione di governo, perché è la famiglia il fulcro di tutto.

Cosa vuol dire, per me, in concreto, è presto detto.

1- Per venire incontro alle esigenze primarie delle famiglie relativamente ai bambini ed ai ragazzi minori, abbiamo bisogno di :

Asili nido e scuole dell’infanzia con un offerta in regime convenzionato per le ore che vanno dalle 8,00 am alle h 15,00 e un’offerta aggiuntiva in regime semi-convenzionato che vada dalle 15,00 alle 20,00 . L’offerta in regime semi-convenzionato dovrà essere monitorata costantemente onde evitare che si traduca in un mero “punto di appoggio” privo di ogni attività educativa-formativa.

Scuole primarie con un’offerta formativa full-time . Le scuole dovranno necessariamente essere dotate di mensa o sala mensa, una biblioteca e una palestra adeguate.

Campus per le attività ricreative-scolastiche per i ragazzi dai 10 ai 18 anni. La mia idea è di integrare il piano formativo scolastico con un offerta in regime semi-convenzionato di attività pomeridiane articolate su varie offerte che vanno dallo sport all’arte ( pittura, scultura, fotografia, cinematografia, etc) alle arti e mestieri , storia, educazione civica ed anche scolastiche, usufruendo di servizio mensa. Il tutto, ripeto, in regime semi-convenzionato.

2- Per venire incontro alle esigenze abitative , secondo un reale principio di equità, c’è bisogno di : Un nuovo piano casa. Intendo sì nuova edilizia residenziale pubblica ma anche nuovo piano regolatore che renda giustizia del territorio e dia eque possibilità edificatorie. Occorre dare la possibilità, al cittadino onesto, di costruirsi casa, anche lì dove egli è lontano nelle graduatorie di assegnazione delle case di edilizia pubblica. Dobbiamo velocizzare gli iter burocratici sottostanti alla richiesta di una concessione edilizia, o di una ristrutturazione o dell’esecuzione delle opere primarie e quant’altro necessari. Prevedere una edilizia sociale, cioè un piano edilizio privato in deroga sotto il controllo del comune, prevedendo che quelle deroghe saranno la norma nel nuovo piano regolatore.

3- Per venire incontro alle esigenze organizzative e quotidiane, serve snellire al massimo tutte le procedure burocratiche e garantire tempi brevi di risposta creando uno sportello unico che segua il cittadino fornendo un servizio integrato ( penso, ad esempio, alle mille volture che un cittadino deve fare al cambio di residenza … ma gli esempi sarebbero tantissimi) …. . E’ necessario informatizzare i servizi e ampliare la fascia oraria di apertura degli sportelli per i quali l’informatizzazione non è possibile.

4- Per venire incontro all’esigenza di equità sociale, rendiamo operativa la certificazione ISEE garantendo anche i controlli e soprattutto stipulando un protocollo d’intesa con la GF e l’Agenzia delle Entrate .

5- Per l’anziano, sono necessari dei centri riabilitativi, di incontro e socializzazione e, nei casi più critici, di assistenza, anche domiciliare. Il nostro anziano autosufficiente, può esser parte attiva dei campus per i ragazzi ai quali penso , per esempio. Anzi, il pensionato è sicuramente una ricchezza inestimabile sotto il profilo formativo , per i nostri ragazzi.

6- Coordinare e far crescere tutti i servizi di volontariato .

7- Integrare tutte le risorse esistenti e incentivarne di nuove, in favore dei più deboli, siano essi bambini, portatori di handicap o anziani.

8- Dotare ogni quartiere di centri polisportivi e poliambulatori convenzionati ed anche in regime di semi-convenzione. Il centro polisportivo al quale mi riferisco , è un centro nel quale la famiglia può recarsi, dal lunedì alla domenica, insieme ….. e questo è importantissimo per una famiglia … Pensate a quante mamme non possono andare in palestra perché “ i piccoli non sono ammessi” oppure a quanti nonni che hanno il difficile compito di badare ai piccini ….. ( e anche ai ragazzi) non possono praticare lo sport … perché nelle palestre che accolgono i minori … non c’è spazio per gli anziani !! E così, lo sport è relegato all’ultimo posto della lista delle cose quotidiane da fare …..

9- Creare giardini pubblici e giardini botanici … e orti botanici ….. piste ciclabili !

10- Garantire la mobilità, soprattutto per gli anziani e i più deboli , perché possano essere liberi di spostarsi nella città e tra questa ed i borghi senza esser costretti a “chiedere” ….

11- Una marina e parchi naturali che rendano vivibile anche l’estate … perché oggi, per una famiglia, i costi anche della spiaggia libera …. sono un lusso, e non è giusto. …. ( sono contraria, per esempio, al parcheggio a pagamento sul lungomare ).

12- Abolire il parcheggio a pagamento nel centro storico della città.

13- Fare del centro storico della città una città d’arte e cultura …. Dove i cittadini possono incontrarsi e passare il tempo libero respirando aria pulita …. Circondati non da macchine ovunque , ma da quadri, artisti di strada, musicisti , panchine e alberi e fiori ….

Insomma, la mia è l’idea di una città che “si vede” … una città in cui finalmente si torna a vedere il sorriso sul volto degli abitanti …. Perché oggi, quel che vedo, è solo tanta tristezza, tanto smarrimento e tanta fatica e preoccupazione.

Per fare tutto questo è necessario riorganizzare la macchina amministrativa. Individuare le risorse esistenti e riorganizzarle in maniera responsabile razionale ed economicamente efficiente. Occorre spirito di iniziativa, intuizione, voglia di fare …….

Sabrina Marangon

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto