Video-Gallery. Allagamento del Goretti, le immagini shock

L'ospedale Goretti di Latina

LATINA – E’ stato ripristinato ieri il funzionamento del secondo acceleratore lineare

Il livello raggiunto dall'acqua evidente sotto il piano della sedia

della Radioterapia dell’ospedale Goretti andato in tilt dopo l’allagamento dei locali domenica 20 marzo. Il primo era stato rimesso in funzione dai tecnici il 31.

“Si prevede che l’attività del servizio riprenda a pieno regime nei prossimi giorni”, spiega in una nota la Asl. Il blocco degli acceleratori lineari, infatti, ha causato disfunzioni a tutto il circuito di visite ed esami a cui vengono sottoposti i pazienti oncologici: l’attività di centraggio, preliminare alla radioterapia, per esempio, è ripresa ieri, e non è stato ovviamente possibile ammettere nuovi pazienti al trattamento. Così, le visite ambulatoriali sono proseguite, senza poter dare però seguito al programma di cure. Senza considerare che chi era già in cura, si è dovuto recare all’Ifo di Roma per effettuare i trattamenti (la struttura ha messo a disposizione di Latina un acceleratore per sole due ore al giorno) e peggio è andata ai circa 20 pazienti per i quali non è stata trovata alcuna soluzione alternativa: hanno dovuto semplicemente interrompere la terapia. Tutto per una pioggia.

Ora che tutto sembra riprendere regolarmente, passi anche l’umidità forte, che affligge tanto i pazienti quanto il personale in servizio, occorre porsi delle domande e capire le ragioni di un evento tanto estremo in una situazione tuttosommato ordinaria, come quella che può essere causata da un temporale sia pure intenso. E’ quello dovrà fare l’Azienda sanitaria.

Sotto accusa in particolare sembra essere la manutenzione destinata alla porta stagna che immette ai bunker di radioterapia, porta speciale installata proprio dopo l’allagamento avvenuto nel 1993, che aveva messo in ginocchio il Servizio. Si tratta di una porta speciale che si chiude a contatto con l’acqua grazie alla presenza di uno speciale sensore. Una volta chiusa, la porta, è dotata di una guarnizione che si rigonfia, impedendo il passaggio dell’acqua nei sotterranei del Goretti, dove si trova appunto il bunker della Radioterapia.

Sull’allagamento il Pd nei giorni scorsi ha presentato un esposto in Procura, mentre un paziente in cura presso la Radioterapia si era rivolto ai Nas, che hanno effettuato un sopralluogo nel reparto.

[hana-flv-player video=”https://www.radioluna.it/news/wp-content/uploads/2011/04/Video-1.flv”” width=”400″ height=”330″ description=”” player=”4″ autoload=”true” autoplay=”false” loop=”false” autorewind=”false” /]

[flagallery gid=90 name=”Gallery”]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto