TRAGEDIA SULL’A13
Il sindaco Terra visita i feriti a Padova
Al Raduno dei carabinieri 80mila con il lutto

Il pullman ridotto ad un ammasso di lamiere

APRILIA -Lutto cittadino, camera ardente nella sede della Protezione civile e, se ci sarà il consenso dei familiari, un unico funerale per le cinque vittime del pullman che sabato mattina è uscito di strada sulla A13 nei pressi di Padova. A bordo carabinieri in congedo e loro familiari diretti all’adunata nazionale dei carabinieri di Jesolo (Venezia) dove in ottantanila ieri hanno sfilato con il lutto al braccio per rendere omaggio alle vittime.

Antonio Terra sindaco facente funzioni di Aprilia da cui era partita la comitiva e dove risiedevano tutte le vittime ieri ha fatto vista ai feriti a Padova.  L’associazione nazionale carabinieri di Aprilia – ha detto – era un autentico punto di riferimento per la collettività,  aveva trasmesso il senso «dell’unica grande famiglia». Quello che è accaduto, ha aggiunto, «è una tragedia enorme anche perchè ci conosciamo quasi tutti. Pochi giorni fa, il 25 aprile, abbiamo festeggiato insieme il 76esimo anniversario della fondazione della nostra cittadina, e c’erano com’è naturale, tutti i volontari dell’associazione carabinieri». «Per noi questa associazione – ha sottolineato – è la spina dorsale del volontariato e della protezione civile: proprio lo scorso anno abbiamo conferito la cittadinanza onoraria all’Arma dei carabinieri che ad Aprilia sono di casa».

Ancora non è nota la data delle esequie che si svolgeranno comunque non prima di prima di mercoledì o giovedì.  La camera ardente sarà aperta all’arrivo delle salme, nella sede della Protezione civile».

Ieri al Raduno è stata celebrata la messa in ricordo delle cinque vittime, 3 donne e 2 uomini, la funzione è stata concelebrata dal cappellano militare del Comando generale dell’Arma, monsignor Ugo Borlegno, assieme agli altri cappellani militari del Veneto. 

L’INCHIESTA – Oggi il pm che segue l’inchiesta sull’incidente esaminerà il rapporto della polizia stradale poi prenderà le decisioni conseguenti

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto