“AltaRomaAltaModa”: Roberto Coin ha presentato un “Cobra Reale” da 100 carati

Il gioelliere Roberto Coin

ROMA – L’ 8 luglio scorso a Roma nel corso di “AltaRomaAltaModa: sfilate ed eventi di moda nella capitale” Roberto Coin ha presentato un pezzo unico di gioielleria: un “Cobra Reale ” da cento carati.

Roberto Coin è tornato dall’affascinante giungla della sua immaginazione  con il più temibile e sacro degli animali: il cobra reale. Animale simbolo di forza e saggezza adornava la fronte dei Faraoni  e sarà l’animale simbolo del prossimo anno cinese. L’ ha catturato per farlo diventare il custode  di una donna intorno al quale avvolge  le sue spire iridescenti che danno l’illusione di un continuo movimento non come un gioiello, ma con un animale vivo che incute  ammirazione e timore al tempo stesso.
Per dargli forma  ha utilizzato eccezionali diamanti bianchi e neri capaci di sprigionare una luminosità incredibile insieme a zaffiri purissimi, e due ardenti rubini come occhi creando un pezzo unico e irripetibile da cento carati di inestimabile valore. Ogni Gioiello della linea Animalier, dove le pietre preziose danno vita a dragoni ed a tigri siberiane, ha una caratteristica unica: un piccolo rubino nascosto all’intero a contatto con la pelle, per augurare a chi li indossa felicità e longevità spiega  Roberto Coin  che ha studiato profondamente le antiche leggende egiziane. Nel 1977 Roberto Coin fonda a Vicenza l’azienda che porterà il suo nome e che verrà lanciata con il marchio nel 1996, posizionandola già nel 2009 ai primi posti tra i maggiori cinquanta brand di gioielleria a livello mondiale.
[nggallery id=24]
Con l’imperativo di innovare e stupire Roberto Coin realizza nel 2003 il “Diamante Cento”, l’eccezionale pietra che raddoppia le sfaccettature tradizionali del taglio brillante, amplificando così la sua incredibile luminosità e brillantezza e consentendo alla luce di effettuare un percorso ad effetto caleidoscopio.
Per interpretare questo gioiello unico al mondo Roberto Coin non aveva che una scelta: Raffaella Modugno.
“Volevo, malgrado fossimo in un contesto di Alta Moda, una modella che rispettasse i canoni della femminilità e la morbidezza delle forme, per la valorizzazione di un gioiello così importante”, ha spiegato il gioielliere delle grandi star di Hollywood. E la scelta è caduta su Raffaella Modugno, bellezza mediterranea, curve mozzafiato, sguardo magnetico appena reduce da un grande successo in Germania, dove ha posato per la copertina di una delle più importanti riviste di moda.
“Lavoro tra Dubai, Miami e Los Angeles – racconta Raffaella – a settembre sarò la protagonista di un calendario di una delle più prestigiose case automobilistiche e poi subito a Dubai per un importante stilista in un set nel deserto e quindi in Messico sulla spiaggia di Acapulco per un noto marchio di costumi da bagno. In Italia mi considerano una taglia calibrata non idonea per le sfilate, all’estero lavoro ai massimi, poso spesso per le copertine, proprio perché hanno un concetto differente del corpo femminile e delle sue forme, sicuramente più rispettoso nei riguardi delle donne”
  
Testo e foto di Riccardo Giorgi   fonte: Ruotelatina.com
 
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto