LATINA PIU’ SOLARE E MENO AGRICOLA
Autorizzati 113 impianti fotovoltaici su 900 ettari

L’assessore Gerardo Stefanelli

LATINA – La provincia di Latina è molto più solare, ma molto meno agricola. Lo dicono i numeri diffusi dall’assessorato all’Ambiente della Provincia.

“Sono 113 gli impianti fotovoltaici da oltre un megawatt autorizzati fino ad oggi (altrettanti   non hanno ottenuto il via libera) e producono complessivamente 434 MGW, una potenza in grado di soddisfare le esigenze di 180mila residenti – spiega l’assessore al ramo, Gerardo Stefanelli, illustrando la relazione dall’architetto dell’ente, Pio Tacconi –  Poco meno della produzione per cui era nata la vecchia centrale nucleare di Sabotino”. Sono esclusi dal calcolo gli impianti sugli edifici pubblici, o i piccoli impianti privati.

Nella geografia pontina, la maggiore concentrazione di fotovoltaico a terra si trova a Latina, seguita da Pontinia, Aprilia e Cisterna. Impianti in numero consistente si trovano anche a Sabaudia, Sermoneta e Sezze, molto meno negli atri Comuni. Il rovescio della medaglia sta nel territorio “consumato” per realizzare le strutture, senza che ne venga altro beneficio per la collettività.

Un dato su tutti: la superficie sacrificata alla causa dell’energia da fonte rinnovabile, è poco più di di 869 ettari, in molti casi sottratti all’agricoltura. Il paesaggio ne può risentire e spesso, per le popolazioni residenti, non esiste neanche un ristoro: “La Regione Lazio – spiega Stefanelli – ha recepito la normativa nazionale così com’è, senza ulteriori prescrizioni, e i Comuni, dal canto loro (tutti tranne Aprilia e in parte Pontinia) non hanno approvato i regolamenti locali per   stabilire limiti al numero e alla dimensione degli impianti o, per esempio, per esigere che una parte dell’energia prodotta sia destinata alla pubblica illuminazione, o all’illuminazione di scuole o magari alle esigenze del cimitero. In questo la Provincia  – conclude Stefanelli – non ha competenze. Il nostro compito è solo di verificare che ricorrano le condizioni richieste dalla legge e che le carte dei richiedenti siano in regola. E’ bene sottolineare però che di questo passo potremo presto essere autosufficienti dal punto di vista energetico”.   ASCOLTA L’ASSESSORE GERARDO STEFANELLIaudiostefanelli fotovolt]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto