CONVEGNO MEDICO
Al Goretti approfondimento sull’idrocefalo normoteso: le nuove prospettive di cura

Il dottor Stefano Savino, primario di Neurochirurgia al Goretti di Latina

Gli anziani sono i soggetti più a rischio nella patologia

LATINA – La giornata di studio è rivolta agli operatori sanitari delle province di Latina e Frosinone e si terrà domani, sabato 29 settembre, nella sala congressi della palazzina direzionale dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. L’inizio dei lavori è previsto per le 8.30. Il comitato scientifico del congresso è presieduto dal dottor Stefano Savino, direttore di Neurochirurgia al Goretti, e dal neurochirurgo Gianpaolo Petrella.

“Lo scopo del congresso medico – spiegano i medici – è creare una rete di professionisti che possano collaborare tra di loro al fine di porre una corretta diagnosi e quindi poter offrire un efficace trattamento di questa patologia. Nelle persone affette da Idrocefalo normoteso, di solito ultrasessantenni, sono tre fondamentalmente i sintomi che si manifestano: demenza, incontinenza urinaria e difficoltà nel cammino. Una diagnosi errata che riconduca questi sintomi a una malattia come il Morbo di Alzheimer, o a una forma di demenza senile, può significare per il paziente una condizione d’incurabilità e l’assunzione cronica di farmaci inutili. Viceversa, una diagnosi corretta permette un trattamento chirurgico di breve durata, con la prospettiva per il malato di guarire pochi giorni dopo l’intervento e ritornare insieme alla sua famiglia ad una vita normale”.

I relatori della giornata saranno: Carmelo Anile, Paolo Fusco, Luca Pellegrini, Alessandro Denaro, Elena Ferrero, Adelchi Saltarelli, Maria Coman, Maiella Aloisi, Genoeffa Piragine, Fabrizio Rasile, Roberto Tozzi, Giuseppina Cancedda, Emiliano Milani. L’ iscrizione al convegno è gratuita e la registrazione può essere effettuata online: www.demenza.org/iscrizione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto