L’ONDA DELL’OCCUPAZIONE
Dai licei ai tecnici, la protesta pacifica si allarga
Gallery

Gli studenti del Mattei – Enaudi

LATINA –  Sono ormai migliaia gli studenti coinvolti nell’occupazione delle scuole superiori di Latina. Un’onda di protesta che si allarga e coinvolge quasi tutti gli istituti. E’ la prima volta in assoluto che accade nel capoluogo pontino. Al silenzioso sciopero bianco degli insegnanti, fa da contraltare, oggi, la contestazione pacifica, ma chiassosa degli alunni, che non hanno  lasciato nulla al caso: organizzati, informati, ordinati,  creativi, pronti a mettersi in gioco per difendere la “loro” scuola. Sono questi, i ragazzi di Latina.

Sono stati occupati tutti i licei:   il Classico e il Manzoni, dopo il Grassi e Majorana. Striscioni e presidio permanente anche al Marconi e all’ Einaudi. Altri sono pronti a fare lo stesso.

Tante le iniziative organizzate:  ci saranno  dibattiti ( quello  del Marconi è aperto alla stampa); lezioni alternative e anche una web radio, attivata dal Classico all’indirizzo  http://peto007.caster.fm/ con cui gli studenti hanno raccontato ora dopo ora fino a notte le loro iniziative: dalle ragioni della protesta, al servizio d’0rdine, per arrivare al servizio di ristorazione.

Le occupazioni vengono sorvegliate dalla Digos della Polizia che ha tenuto colloqui con i rappresentanti degli studenti, informandoli e sensibilizzandoli sui comportamenti da tenere. Nella notte, la Volante della Questura è intervenuta, proprio su richiesta dei ragazzi, per una bomba carta  lanciata da sconosciuti fuori dal Classico, senza gravi conseguenze.

[nggallery id=47]

Pd- “In meno di quarantotto ore gli studenti di questa città hanno dato una grande prova di coraggio e di coscienza del difficile momento economico, politico e sociale che l’Italia, ma più in generale l’Europa, sta attraversando. Nel corso delle occupazioni studentesche servizi d’ordine, assemblee propositive, dibattiti, confronti, radio web e i social network, sono i mezzi che usano per comunicare con un mondo esterno che forse non ha ancora compreso. E’ la prima volta, dopo molti anni, che la nostra gioventù si organizza pacificamente per esprimere un dissenso sacrosanto”. Sono le parole che il Pd di Latina esprime per testimoniare la vicinanza ai giovani studenti di Latina.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto