Giovedì Santo, Requiem di Mozart al D’Annunzio

Shares

requiemLATINA Giovedì 17 aprile, alle ore 21.00, al Teatro D’Annunzio di Latina sarà eseguiti per la prima volta il “Requiem” di Mozart. Sul palco l’Orchestra “Ottorino Respighi” del Conservatorio di Latina, diretta da Benedetto Montebello, quattro solisti – Chiara D’Acunto, soprano, Eleonora Cipolla, mezzosoprano, Carlo Putelli e Massimiliano Fiorini, rispettivamente tenore e basso –   e oltre 90 coristi dei tre Cori della città – il “Respighi”, diretto da Mauro Bacherini,  il “Madrigaletto”, diretto da Nicolò Iucolano , e la “Corale San Marco”, diretta da Mauro Bassi, per una delle opere più note di Mozart, il suo poema incompiuto,  il capolavoro su cui è fiorita una vera mitologia. Un’ora prima del concerto, alle 20.00 è previsto un aperitivo con vini dell’azienda Casale del Giglio.

“L’allestimento del “Requiem” che verrà presentato la sera di Giovedì Santo al D’Annunzio di Latina è il risultato di una fatica nata tutta dentro la città – si legge in una nota degli organizzatori –  Un’Orchestra a Teatro” è la voglia delle sue istituzioni musicali di diventare per la città capoluogo, ma anche per il comprensorio, uno spazio nel quale mettere in comune competenze, risorse, energie e passioni; creare una struttura stabile e qualificata per la musica, un luogo per artisti affermati, ma anche una “palestra” e un percorso di formazione per i giovani. Una sinergia tra Conservatorio “Respighi” , il Campus Internazionale di Musica e il  Comune di Latina, che a metà della seconda edizione, sta dimostrando che in fondo era giusto crederci.

L’OPERA –  Il Requiem K626 è veramente il mistero di un capolavoro incompiuto, che nel corso del tempo ha diviso gli storici e i musicologi e alimentato congetture. La storia è nota. Nell’estate del 1791, anno della morte, Mozart ricevette da un misterioso intermediario l’incarico di scrivere una messa da requiem. A metà settembre la sua salute peggiorò, ma si si aprì per lui un periodo di grande creatività, ben ricostruito dal regista Milos Forman nel film «Amadeus» del 1985. Mozart continuò a lavorare instancabilmente fino del 4 dicembre: rivide con alcuni cantanti le parti già compiute del Requiem. La notte seguente morì. Il lavoro sarà completato dagli allievi.

 Biglietti: Platea:  Intero 15€;  Ridotto 10€;  Galleria:  8€ (Diritto di prevendita 1,50€)

 Orario botteghino:

mercoledì 16 aprile: ore 10 – 13 giovedì 17 aprile: 10-13/16-21 tel. 0773 652642

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto