A Cori “La nota rossa”: serata di sensibilizzazione Avis

la_nota_rossa_locandinaCORI – Una serata di sensibilizzare alla donazione del sangue, ancor più necessaria in estate, quando le raccolte calano e il fabbisogno cresce. Venerdì primo agosto, dalle 21, presso il teatro di piazza della Croce, la sezione Avis di Cori, nell’ambito del Latium World Folkloric Festival – Musiche e Danze popolari del mondo per una cultura della Pace – CIOFF® International Festival, presenterà la quarta edizione de «La Nota Rossa».

Nella suggestiva cornice scenografica di Cori valle, «Scenaperta» per lo spettacolo musicale ad ingresso gratuito, «Còri mé bbéglio», con Bruna e Roberto, Pippi e Peppe e la collaborazione di Tito Vittori. Apertura e chiusura con le  coreografie degli allievi della scuola di danza «Matisse». Sarà inoltre possibile assistere alla mostra fotografica «Trent’anni di cammino insieme per la solidarietà». L’Avis comunale di Cori, infatti, compie 30 anni. Era il 1984 quando alcuni volontari, già donatori di sangue, si organizzarono per rifondare questa realtà, orgoglio e patrimonio della città. L’obiettivo è sempre stato promuovere la solidarietà e sensibilizzare i cittadini, soprattutto i più giovani, all’importanza del dono del sangue per la vita di chi ne ha bisogno.
«Donare è amare». Con questo spirito l’Avis Cori ha operato in questi tre decenni. Ha raccolto sangue, tantissimo, presso il Punto Prelievi dell’Ospedale di Comunità, indirizzato verso una moderna Unità di Raccolta. Ha sviluppato una coscienza sociale, diffondendo un sentimento di altruismo. Attraverso l’esperienza del dono, ma anche con iniziative culturali e progetti di informazione e formazione nelle scuole. Ha reso la comunità più umana e più sana. I donatori si sottopongono periodicamente ai controlli sanitari, attuando così una forma di prevenzione che consente la diagnosi precoce di patologie e che si traduce in notevole risparmio di risorse per tutta la collettività. Un gesto di elevato valore morale e civile, che fa bene agli altri e a se stessi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto