In provincia ben 385 veicoli sequestrati dall’inizio dell’anno perché sprovvisti di assicurazione

La maxi operazione della Polizia stradale in tutta Italia

polizia mare 5LATINA – Sono 385 i veicoli in provincia di Latina sequestrati, dall’inizio dell’anno a oggi,  perché ciroclavano sprovvisti di assicurazione per la Rc auto, di questi soltanto 21 sono stati “regolarizzati” dai conducenti, con il pagamento in misura ridotta per effetto della riattivazione della polizza assicurativa scaduta. In 8 casi il conducente è stato denunciato per certificati o contrassegni assicurativi risultati falsi; in qualche caso sono state avviate indagini giudiziarie sui fornitori della documentazione sequestrata. Sono i dati allarmanti diffusi dalla Polizia Stradale che confermano pienamente il trend a livello nazionale. 

Le pattuglie della Polizia Stradale di tutta Italia hanno condotto infatti, una maxi operazione che ha portato al sequestro di 125 veicoli. Le regioni meno virtuose si collocano al Sud Italia, dove la percentuale dei veicoli irregolari si attesta intorno al 10% rispetto a quelli controllati. 

“Chi circola con un veicolo privo di assicurazione – si legge nella nota della Stradale  – oltre ad essere assoggettato ad una sanzione amministrativa pecuniaria di importo particolarmente elevato (da € 841,00 a € 3.366,00), subirà il sequestro del mezzo. Chi circola con documenti assicurativi alterati o contraffatti, invece, è soggetto alla confisca del veicolo. Infine, per coloro che hanno materialmente contraffatto i suddetti documenti, la sanzione prevista è la sospensione della patente per un anno. 

Sul portale dell’automobilista del Dipartimento Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e del Trasporti, accessibile al sito https://www.ilportaledellautomobilista.it/, è possibile consultare i numeri di targa dei veicoli immatricolati in Italia per verificare la regolarità con gli obblighi assicurativi RCA. Le informazioni presenti sul portale sono aggiornate quotidianamente dalle compagnie assicuratrici”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto