Terracina. Vendita abusiva funghi sul ciglio della strada, fioccano le multe

Polizia stradale: il prodotto potenzialmente nocivo per il consumo umano. Merce sequestrata e distrutta

funghiTERRACINA – “A molti la vendita di miceti sul ciglio delle strade pare un fatto normale nella stagione autunnale. Se l’attività non è autorizzata, tuttavia, è passibile di severe sanzioni amministrative, oltre a costituire un evidente pericolo per la sicurezza di chi la pratica, della circolazione stradale nell’area e degli avventori che attratti da un’accattivante esposizione decidono di fermarsi per contrattare l’acquisto. Inoltre, i prodotti spesso di origine ignota possono considerarsi potenzialmente nocivi per il consumo umano”. E’ l’allarme lanciato dalla Polizia stradale, Distaccamento di Aprilia, coordinato dal Comandante Sostituto Commissario Giuliano Trillò.

Questa mattina gli agenti nell’ambito del servizio di vigilanza stradale, che comprende anche il controllo della filiera igienico-sanitaria sul trasporto merci, hanno sorpreso sul tratto di S. R. 148 Pontina nel comune di Terracina un abusivo, P. T. di anni 41 originario del frusinate, intento nella vendita ai passanti di miceti del tipo Boletus Edulis meglio conosciuti come “porcini” che dichiarava provenienti dai rigogliosi boschi laziali.

Il controllo che immediatamente ne è scaturito ha accertato che il venditore, oltre ad essere privo di autorizzazione per l’esercizio di tale commercio e occupare in maniera abusiva la strada, smerciava prodotto privo di certificazione di provenienza. “In tali casi mancando il prescritto controllo sulla filiera, dalla produzione alla commercializzazione, il prodotto, probabilmente di origine comunitaria ma praticamente di provenienza ignota, può considerarsi potenzialmente nocivo per il consumo umano” spiega in una nota la Polizia. Sul posto è intervenuto anche il personale della Asl, per gli accertamenti di competenza. Il venditore è stato multato per 4.200,00 euro, mentre la merce, quattro cassette di funghi,  è stata sequestrata e distrutta con apposita ordinanza del Sindaco del Comune di Terracina.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto