Centro commerciale sulla Monti Lepini, problemi di viabilità e nessuna traccia di piste ciclabili

La reazione di Dario Bellini del movimento Latina in bicicletta

Shares
Dario Bellini di Latina in bicicletta

Dario Bellini di Latina in bicicletta

LATINA – Se la viabilità è tra le criticità maggiori, evidenziate dal sindaco di Latina Di Giorgi, per la realizzazione del progetto del nuovo centro commerciale che un privato vuole realizzare sulla Via del Monti Lepini, c’è chi come Dario Bellini del movimento latina in bicicletta che si dice più in generale contro “l’idea che si vuole far passare in città che si possa uscire dalla crisi del territorio grazie ai centri commerciali”. Oggi alla conferenza di servizi sono stati ammessi ad assistere anche i movimenti contrari all’opera, che si occupano della mobilità sostenibile.

“Eravamo pochissimi questa mattina in piazza ma non ci siamo persi d’animo – scrive in una nota Dario Bellini – Dai tecnici presenti sono state sollevate sul progetto alcune criticità, soprattutto dal punto di vista della viabilità. Non esiste infatti, nessuno studio, né alcun adeguamento alla viabilità  sulle strade di via del Piccarello o via delle Rose. Siamo intervenuti per domandare cosa sarebbe cambiato nell’iter autorizzativo, se la politica si fosse decisa a chiedere una riduzione delle cubature (175.000 mc), come da più parti politiche è stato ventilato. Ci è stato risposto che per cambiare le cubature in oggetto servono delle motivazione valide. Abbiamo obiettato che le motivazioni ci sono, tra tutte i problemi di viabilità. Abbiamo infine notato che su tutti i progetti presentati non c’è traccia alcuna di piste ciclabili, così abbiamo chiesto l’applicazione anche a Latina della legge dello stato 366/98. C’è stato risposto che il costruttore dovrà prevedere alla realizzazione di piste ciclabili”.

“Non siamo contro questo progetto in particolare – conclude Bellini – siamo contro l’idea che si possa uscire dalla crisi attraverso i centri commerciali. E’ una balla, questa si chiama solo speculazione edilizia. Siamo contrari anche al centro commerciale di Parco dei Pini che dovrebbe sorgere in zona autolinee nuove, che sta andando avanti nel suo iter autorizzativo in modo molto più silenzioso ma non meno dirompente”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto