Sequestrata “centrale del riciclaggio” su 4 ettari: Mercedes e Smart rubate

Il blitz frutto della sinergia tra Polizia stradale, Forestale e Polizia provinciale, nei pressi di Pontinia

Shares

ciprianiLATINA – Grazie a un blitz congiunto tra Polizia stradale,  Nucleo investigativo della Forestale e Polizia provinciale è stata sequestrata una area di quasi  4 ettari in via Formicosa, nelle campagne al confine tra Pontinia e Sabaudia, adibita alla raccolta stoccaggio e smaltimento di auto fuori uso, priva di autorizzazioni. Una vera e propria centrale del riciclaggio con un giro d’affari stimato attorno ai 2 milioni di euro l’anno, dove sono stati trovati numerosi pezzi e ricambi di veicoli rubati, in particolare a marchio Mercedes e Opel.

L’operazione frutto della sinergia delle diverse forze dell’ordine guidate dal comandante della Polizia stradale di Latina Francesco Cipriano, il commissario capo del Nipaf Vittorio Iansiti e il dirigente della polizia provinciale Pasquale Fusco,  ha portato alla denuncia, per il momento, di un 47enne del posto.

L’intervento che ha impegnato 20 agenti è stato eseguito grazie all’ausilio di rilievi fotografici aerei, che hanno evidenziato l’attività illecita su due aree, una di 10.000 mq (solo in piccola parte autorizzata) e una di 28.000 mq. Diversi i reati contestati, dalla ricettazione al riciclaggio, alla violazione della destinazione d’uso fino ai reati di tipo ambientale. Nell’area sono stati sequestrati ben 10 motori di Smart risultate rubate, fusti contenenti oli esausti, sostanze pericolose e lastre di eternit. Al vaglio degli agenti centinaia di auto di provenienza illecita, centraline elettriche e innumerevoli pezzi di ricambi. In molti casi sono state ritrovate all’interno delle vetture anche i libretti di circolazione. 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto