AL GORETTI

La Rianimazione scoppia e “invade” la sala operatoria, saltano gli interventi

La denuncia di Simeone (FI): "Goretti al collasso"

ospedale-goretti-di-latinaLATINA – La Rianimazione dell’ospedale Goretti di Latina scoppia e i malati in sovrannumero vengono appoggiati nelle sale operatorie. Risultato: saltano gli interventi chirurgici. La notizia arriva dal consigliere regionale pontino di Fi, Giusppe Simeone che in una nota critica fortemente il direttore generale della Asl di Latina “impegnato a barricarsi dietro un muro di parole, non ultime quelle per giustificare il buco di oltre 30 milioni di euro nel bilancio dell’azienda sanitaria”.

“Oggi  – spiega Simeone – sono stati cancellati tutti gli interventi chirurgici programmati. La rianimazione è bloccata nonostante i quattro letti aggiuntivi. E la sala operatoria sta fungendo da ‘ricovero»’ di fortuna per i pazienti intubati in attesa di essere trasferiti in reparto. Di fronte a questa situazione si può solo pregare che non arrivino altre emergenze. Una situazione su cui non esistono commenti adeguati ma solo responsabilità”,  – continua Simeone, bocciando su tutta la linea le politiche sanitarie della Regione Lazio e la gestione Caporossi: “Gli ospedali sono stritolati dal blocco del turnover e dalla cronica mancanza di posti letto per un’utenza sovradimensionata rispetto alle reali capacità delle strutture. La carenza di personale medico e infermieristico costringe chi lavora a turni massacranti. In questo caos l’atto aziendale della Asl di Latina e il piano di riorganizzazione ospedaliera a firma di Zingaretti parlano di Dea di II livello al Goretti anche se mancano i medici, i posti letto, il pronto soccorso è in tilt e la struttura è un colabrodo. Quanto sta accadendo dimostra, come sosteniamo da tempo, che si stanno avanzando una serie di obiettivi irraggiungibili senza offrire alcuna garanzia sulle reali possibilità finanziarie che ne permettano il raggiungimento”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto