giudiziaria

Variante Piave, la Procura chiede per il rinvio a giudizio per Malvaso, Di Rubbo, Monti e per tre tecnici

Stralciata la posizione dell'ex sindaco Di Giorgi per l'immobile acquistato da Malvaso

sequestro Malvaso borgo PiaveLATINA- Il Procuratore Aggiunto Nunzia D’Elia ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex consigliere comunale Vincenzo Malvaso, l’ex assessore all’Urbanistica Giuseppe Di Rubbo, il dirigente del Comune di Latina Rino Monti e i tecnici Antonio Petti, Fabio De Marchi e Marco Paccosi. I reati contestati agli imputati sono: abuso d’ufficio, falso ideologico e abuso edilizio. Arriva incece l’archiviazione per gli altri ex componenti della giunta comunale che votarono le delibere di adozione alla variante e che secondo gli inquirenti non potevano sapere i particolari dell’intervento urbanistico. E’ diversa invece la posizione dell’ex sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi, nei suoi confronti c’è uno stralcio per l’ipotesi di corruzione di un immobile acquistato da una società facente capo all’ex consigliere Malvaso.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto