l'idea

Un infermiere di Latina scrive l’inno del 118: è un tormentone il rap di Christian Manzi

"Da diciotto anni sulle ambulanze, voglio far conoscere il lavoro degli operatori dell'emergenza"

LATINA – Trentaseimila visualizzazioni su youtube in pochi giorni (ma ora sono 116mila) e la soddisfazione di sentirlo suonare anche fuori Latina, come in Umbria dove i colleghi di Perugia lo canticchiavano ad un corso di formazione. Christian Manzi è molto soddisfatto del suo Inno del 118, un pezzo rap scritto per raccontare l’impegno degli operatori dell’emergenza sanitaria, ma anche una sua personale serenata rap, per omaggiare un lavoro che ama profondamente e che svolge da 18 anni, avendo cominciato ancora prima, come volontario, quando era appena un ragazzo.

“Quale mezzo migliore della musica che tocca i cuori di tutti, mi sono detto. Così ho deciso di scrivere l’Inno del 118  – racconta Manzi a Radio Luna – L’idea è nata di notte, mentre ero in ambulanza e ascoltavo dei pezzi rap, un genere che a me piace molto ed è in grado di arrivare diretto ai giovani, ma non solo”. Una scelta condivisa con i colleghi che si sono prestati molto volentieri a recitare per il video campione di visualizzazioni: “Sono tutti operatori del 118: soccorritori, autisti, infermieri e medici dell’emergenza”.

Il pezzo invece è stato scritto da Manzi e musicato dai Cosentino Brothers di Anzio in collaborazione con il dj di Latina Andrea Bruzzese degli Absolut. “La musica è un motore di emozioni insuperabile,  arriva a cuore, testa e corpo – dice l’infermiere di Latina che si occupa anche di formazione e che ora sta progettando di usare le note proprio per questo scopo – La prossima iniziativa è un corso di emergenza sanitaria cantato”, spiega.

Manzi ha 37 anni è nato e cresciuto a Latina e ha due figli ai quali ha già insegnato le pratiche principali dell’operatore del 118. Laureato in scienze infermieristiche, è anche tecnico ortopedico e ha conseguito un master in gestione dell’emergenza territoriale. E’ formatore dell’emergenza e ha scritto manuali tra cui il primo nel 2009, è ancora libro-cult (Il manuale del soccorritore volontario delle pubbliche assistenze) utilizzato dalle pubbliche assistenze della Regione Lazio. L’ultimo lavoro è dedicato all’Icls, un manuale per gestione avanzata dell’emergenza. “Quando ho iniziato questo lavoro mi dicevano che non avrei resistito, ma oggi  vi dico che io lo adoro e anzi è il più bello che sia mai esistito”, giura in rap l’infermiere. ASCOLTA

CLICCA QUI PER LEGGERE IL TESTO 

3 Commenti

3 Commenti

  1. Maria Chiara

    4 agosto 2016 alle 19:44

    Mitica canzone! Rispecchia a pieno noi ragazzi del 118!

  2. Rossa Blu

    Rossa Blu

    11 febbraio 2017 alle 18:58

    Siete angeli!!!

  3. Roberta Baldan

    Roberta Baldan

    11 febbraio 2017 alle 19:11

    Bravooooo Christiannnn!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto