solidarieta'

Aiuti ai terremotati da Carrefour Latina, la consegna

Pacchi alla Croce Rossa. La famiglia Cassandra dona 5000 euro

Shares
Pietro Cassandra con il commissario dell Croce Rossa Giancarlo Rufo

Pietro Cassandra con il commissario dell Croce Rossa Giancarlo Rufo

LATINA – Sono stati consegnati personalmente da Pietro Cassandra nelle mani del commissario della Croce Rossa di Latina Giancarlo Rufo, i viveri che i clienti dei punti vendita Carrefour di Latina, Sabaudia, Pontinia e San Felice Circeo hanno voluto donare partecipando alla raccolta lanciata dalla storica famiglia di  imprenditori per i terremotati dell’Alto Lazio e dell’Umbria. Si tratta di beni di prima necessità, acqua, latte in cartone, pasta, riso, farina, zucchero, caffè, tonno, legumi, pomodori in scatola, biscotti, olio, sale, prodotti per l’igiene e piatti, posate  e bicchieri usa e getta, che contribuiranno a sostenere le persone rimaste senza casa e senza mezzi.

La storica famiglia di imprenditori di Latina oltre ad organizzare la raccolta ha donato alle popolazioni colpite dal sisma tramite la Croce Rossa, una somma di 5000 euro.

“Al Gruppo Cassandra – Carrefour e a tutti i suoi clienti – ha detto Giancarlo Rufo, commissario provinciale CRI di Latina – ho portato prima di tutto il ringraziamento del segretario generale della CRI Flavio Ronzi per la donazione destinata al nostro fondo nazionale per aiutare i terremotati del Centro Italia. Mi unisco al ringraziamento, a nome mio e dei nostri volontari, oltre che per la donazione dei 5.000 euro anche per la raccolta di generi di prima necessità, che a nostra cura saranno avviati verso il magazzino che abbiamo attivato a Rieti”.

“Il primo ringraziamento va fatto a tutti coloro che da settimane stanno lavorando sul luogo del sisma – ha detto Piero Cassandra – e poi a tutti i nostri clienti che nel giro di pochi giorni ci hanno aiutato a raccogliere centinaia di beni di prima necessità. Segno che il lavoro di gruppo è sempre la strada migliore per affrontare emergenze improvvise come queste”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto