latina lido

Erosione a Capoportiere, lettera di Chiarato a Coletta e Lessio: “Si muovano”

L'ex consigliere preoccupato per l'arretramento ulteriore della linea di costa

Il lungomare di Latina

Il lungomare di Latina

LATINA – L’ultima mareggiata ha eroso ancora la spiaggia di Latina a Capoportiere. Per questo l’ex consigliere comunale e candidato sindaco alle ultime amministrative, Gianni Chiarato scrive al sindaco Damiano Coletta, e all’assessore all’Ambiente del Comune di Latina, Roberto Lessio, esprimendo preoccupazione per l’arretramento della linea di costa nell’area dell’Hotel Fogliano.
“Sono evidenti  – scrive Chiarato – i segni del fenomeno erosivo che ha portato alla creazione di una discontinuità tra il mare e la spiaggia con un dislivello significativo. Le precedenti Amministrazioni di questa Città hanno sempre mantenuto alta la guardia richiedendo continuamente alla Regione Lazio stanziamenti ed interventi ma
riuscendo solo ad ottenere lavori di somma urgenza in concomitanza di gravi fenomeni erosivi, che hanno finito solo per spostare il problema in altra direzione”. Il fenomeno  – secondo Chiarato – sarebbe stato aggravato dagli interventi eseguiti negli anni passati  tra la Foce del Canale Mascarello e Foce Verde,  che hanno risolto le problematiche di quel tratto di costa, accentuando però il fenomeno altrove.

Mella sua missiva Chiarato esorta l’Amministrazione assumere le iniziative necessarie e a intervenire “presso la Regione Lazio perché superi la situazione di stallo nella quale sembra essersi arenata e  si attivi con urgenza per dare continuità agli interventi di difesa del litorale che interessino l’intero tratto di costa”.
“Servono azioni tempestive prima che sia troppo tardi”, è il grifo d’allarme dell’ex consigliere.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto