unioni civili

Nozze gay a Latina: il sì emozionato di Gianfranco e Marco davanti al sindaco Coletta

"Gli sposi: "Abbiamo aspettato 21 anni, perché era in Italia e non all'estero che volevamo essere riconosciuti come coppia". Il sindaco legge un sonetto di Shakespeare sull'amore

LATINA – Emozionati e felici si sono detti “sì” davanti al sindaco di Latina Damiano Coletta, Gianfranco Camilli, 63 anni e Marco Emanuele Fanelli, 46 anni, la prima coppia tra persone dello stesso sesso, iscritta da oggi ufficialmente nel registro delle unioni civili di Latina. Un fragoroso applauso ha accompagnato nell’aula consiliare del Comune di Latina la promessa tra i due sposi che si sono giurati amore e assistenza reciproca, davanti ad amici e parenti pronti a festeggiare l’evento. Dopo aver sancito l’unione, il primo cittadino ha letto, dedicandolo alla coppia, il Sonetto 116 di Shakespeare.

Non sia mai ch’io ponga impedimenti
all’unione di anime fedeli; Amore non è Amore
se muta quando scopre un mutamento
o tende a svanire quando l’altro s’allontana.
Oh no! Amore è un faro sempre fisso
che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
è la stella-guida di ogni sperduta barca,
il cui valore è sconosciuto, benché nota la distanza.
Amore non è soggetto al Tempo, pur se rosee labbra e gote
dovran cadere sotto la sua curva lama;
Amore non muta in poche ore o settimane,
ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio:
se questo è errore e mi sarà provato,
io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.

LA GIOIA DOPO IL SI – “Per noi è un grande traguardo, non sarebbe stato giusto sposarsi all’estero perché noi siamo italiani ed era qui che volevamo essere riconosciuti come coppia”, hanno detto i due in lacrime. Il più emozionato durante la cerimonia, Marco, ha poi preso le redini della situazione, mentre Gianfranco che era apparso più composto ha ceduto alla gioia e con la voce rotta ha detto: “Lo amo e lo amerò sempre”. Poi, le foto per l’album di nozze.

ASCOLTA GIANFRANCO E MARCO

La coppia che conviveva da 21 anni, da quasi 15 lavora anche insieme gestendo un noto negozio di parrucchiere in Via Porfiri. Per Marco la testimone era la consigliera regionale e amica Rosa Giancola.

[flagallery gid=627]

1 Commento

1 Commento

  1. roby

    24 Ottobre 2016 alle 20:28

    Che tenerezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto