cronaca

Sezze, investì e uccise un’anziana senza soccorrerla: arrestato il 27enne pirata della strada

L'incidente nel dicembre del 2015, la donna morì a causa delle ferite. Indagate altre due persone

SEZZE – Svolta nell’incidente stradale in cui è morta Addolorata De Benedectis, una donna di Sezze investita e uccisa nel novembre del 2015 da un’auto che aveva fatto perdere le tracce. I carabinieri del Comando Provinciale di Latina, coadiuvati dal Nucleo operativo ecologico di Roma e da un’unità cinofila in servizio presso la stazione carabinieri di Borgo Piave  hanno arrestato il pirata della strada e hanno indagato a piede libero altre due persone, tra cui un rottamatore accusate di favoreggiamento personale.  I provvedimenti di misura cautelare (1 ai domiciliari e 2 obblighi di polizia giudiziaria), sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Latina Laura Matilde Campoli, nei confronti dei tre accusati di Omicidio stradale e inottemperanza agli obblighi di assistenza in caso di incidente, e gli altri due di favoreggiamento personale.

In manette è finito Mauro Leggeri, 27enne di Sezze che guidava la Fiat Uno bianca, sprovvista di assicurazione, di proprietà della madre, e sulla via Variante di Sezze a velocità elevata, in un tratto scarsamente illuminato ed in leggera pendenza, ha investito Addolorata De Benedectis , che stava rientrando a casa. Il 27enne è poi fuggito senza prestare soccorso all’anziana. Obblighi di polizia giudiziaria per A. T. 26enne, compagna di Leggeri, che ha fornito false testimonianze per fornire un alibi a Leggeri e per R. E., 53enne, gestore di un “centro raccolta veicoli” di Maenza che, anche se consapevole della provenienza del veicolo coinvolto nel sinistro mortale, l’ha comunque rottamata, per occultare le prove.

I primi accertamenti, hanno consentito di raccogliere pochi elementi perchè sul luogo dell’incidente non sono state trovate tracce utili alle indagini. L’unico spunto fornito da alcuni passanti era costituito dalle indicazioni sull’auto un’utilitaria di colore bianco.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto