SUPERLEGA

Top Volley: derby con Sora e tra i fratelli Bagnoli

Scontro diretto in trasferta a Sora in programma domani alle 20,30

LATINA- Scontro diretto tra la Top Volley Latina e BioSì Indexa Sora in casa della sorellina nella sfida infrasettimanale di domani, mercoledì alle 20.30 al PalaGlobo Luca Polsinelli per la ventiduesima giornata di Superlega UnipolSai. Sfida anche per i fratelli Bagnoli nella quarantunesima volta, si erano incontrati al PalaBianchini per la nona giornata di andata chiusa al tiebreak in favore di Latina. Il tecnico pontino “d’ora in poi, ogni partita che verrà, ci potrà permettere di scalare posizioni in classifica. Stiamo attraversando un buon momento a livello fisico, siamo pronti ad affrontare delle partite ovviamente decisive, a partire da Sora. Anche se non è semplice dobbiamo giocare bene, se giochiamo bene e con un po’ più di continuità, ce la possiamo fare, in maniera contraria possiamo avere dei grossi problemi”.

Entrambe le formazioni puntano a conquistare punti importanti per l’obiettivo playoff: Sora dopo aver perso le prime sei gare del girone di ritorno con Modena, Trento, Perugia, Civitanova, Monza e Verona, ha preso un punto a Piacenza e vinto domenica scorsa a sorpresa per 3-1 contro Molfetta. La neopromossa BioSì Indexa con Bruno Bagnoli al timone che può contare sul palleggiatore bulgaro Georgi Seganov dal Cska Sofia, l’opposto bielorusso Radzivon Miskevic dallo Stroitel Minsk (vincitore di scudetto e coppa), il centrale bulgaro Svetoslav Gotsev dal Tabriz (Iran) e l’ex  centrale Andrea Mattei a Latina durante la scorsa stagione, di banda il russo Denis Kalinin dall’Ufa e un altro ex pontino Francesco De Marchi (2008-09) dal Berlino vincitore di scudetto, coppa di Germania e Coppa Cev. Sono stati confermati anche il palleggiatore Marrazzo, il centrale Sperandio, gli schiacciatori Tiozzo, Lucarelli, Rosso e Mauti, Santucci libero. Bagnoli Junior con Molfetta ha schierato in campo Seganov al palleggio e Miskevich opposto, Sperandio e Gotsev centrali, Kalinin e De Marchi (Rosso) di banda, Santucci libero. Latina reduce dal tiebreak in casa contro Piacenza con un punto conquistato in una gara in cui i padroni di casa hanno dominato il primo e il quarto set chiudendolo per 25-14 . Daniele Bagnoli ha alternato tutti i suoi uomini partendo con un inedito sestetto con Sottile in cabina di regia e Fei opposto, Rossi e Gitto centrali, in campo il giovane giapponese Ishikawa e Penchev schiacciatori, Fanuli libero.

Hanno disputato 40 incontri i fratelli Bagnoli: la prima volta in A2 nel 1992-93 con Bruno che con la sua Mia Progetto Virgilio supera due volte in quattro set il fratello maggiore. L’anno successivo la sfida si ripete in massima serie con la Daytona Modena di Daniele vincitore due volte (in casa 3-0 e fuori al tiebreak). Si incontrano poi nella stagione 1998-99 con la Sisley Treviso di Daniele vincitore otto volte (Supercoppa, 2 in campionato, nella semifinale di Coppa Italia, nel gironcino e nella semifinale dei playoff), stesse squadre la stagione successiva ma completa parità in campionato, con due 3-0, e il 3-1 nella semifinale di Coppa Italia per Treviso. Nel 2000-01 cambiano le squadre e la Casa Modena di Daniele vince entrambe le gare (3-0, 1-3) sull’Itas Diatec Trentino. Così come l’anno seguente tra la Sisley Treviso di Daniele (3-1, 1-3) e il Trento di Bruno. La stagione 2002-03 vede lo scontro alla prima giornata tra Treviso (Daniele) e Trento (Bruno) con il fratello maggiore a portare a casa le vittorie (3-2, 3-0). Bruno prende in mano il Verona di A2 e lo porta nella massima serie e lo fa esordire con il Treviso: doppio 3-1 per Daniele, ma nei playoff la sfida è più dura con Daniele che passa in gara5 dei quarti. Nel 2005-06 Treviso e Verona pareggiano i conti con un 3-0 per parte, nei quarti dei playoff si impone la Sisley in tre gare (3-0). Bruno va a Modena ma deve subire tre sconfitte dal fratello: 3-0, 2-3 e 3-0 nei quarti di Coppa Italia per la Sisley. Passano gli anni e a stagione iniziata Daniele siede sulla panchina di Modena perdendo al tiebreak con il Verona di Bruno. Si rifà l’anno successivo vincendo 3-1, 2-3. L’ultima di questa lunga serie è la gara di andata vinta da Daniele al tiebreak al PalaBianchini di Latina. Il bilancio è di 33 vittorie per Daniele e 7 per Bruno, e siamo alla sfida numero 41 con il netto vantaggio del fratello maggiore.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto