di e con Angela Iantosca

Diana ha imparato a dire che è felice

L'ANFFAS al servizio di 35mila persone con disabilità.  Nel Lazio anche a Cisterna

Diana con sua mamma

LATINA –  ASCOLTA RADIO LIBERA qui o su Radio Luna il mercoledì e in replica il sabato alle 11

Ha il nome di una dea, i capelli rossi, un foulard rosa e lo smalto alle unghie. Ha quasi 20 anni Diana e io l’ho incontrata qualche giorno fa insieme ai suoi genitori presso la sede Anffas di Ostia. Cosa si nasconde dietro l’acronimo Anffas? L’associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale. Solo nel Lazio ci sono diverse sedi: Roma, che è stata anche la prima sede nazionale dell’Associazione nata 60 anni fa; e poi Ostia, Subiaco e Cisterna di Latina. A breve sarà aperta una nuova ‘postazione’ a Fiumicino mentre a Fiuggi già è stato attivata una sede operativa. Solo ad Ostia vengono seguite 450 persone, 35mila in tutta Italia. Numeri importanti che rendono l’Anffas la più grande associazione volontaria di famiglie d’Europa. Una realtà enorme che fa lavorare 140 persone pagate regolarmente e che ogni giorno cerca di rendere più normale la vita delle famiglie e dei ragazzi o bambini anche piccolissimi, addirittura di 35 giorni, con varie forme di disabilità, grazie alle molte professionalità e ai molti progetti che qui vengono realizzati e che li fanno interagire con la natura e gli animali, insegnando loro nuove forme di comunicazione o anche semplicemente ad attraversare la strada, ma anche creando abilità tali da inserirli nel mondo del lavoro: progetti grazie ai quali cinque di loro recentemente hanno trovato un lavoro fisso!
Gli specialisti lavorano sia nel centro che si trova sul lungomare di Ostia, sia a casa, facendo attività domiciliare, sia nelle scuole grazie all’attivazione di protocolli firmati con i presidi. E a breve un nuovo progetto partirà con l’Orchestra di Santa Cecilia…

Diana ha quasi 20 anni, quando ne aveva 2 ha smesso di parlare. Autismo, questa la diagnosi, ma da quando ha conosciuto questa realtà la sua vita e quella dei suoi genitori è migliorata: ora va in piscina due volte a settimana, quando con i suoi compagni d’avventura va in campagna coordina i lavori, sa stare al ristorante, ha una passione per lo shopping, per il parrucchiere e per l’estetista, non ama che le persone urlino intorno a lei, ha imparato a dire che è felice, e se volete comunicare con lei ricordate che c’è solo un canale possibile sul quale sintonizzarsi: l’amore!

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto