le indagini

Causò la morte di Valentina Picca guidando ubriaco e drogato: arrestato un 30enne di Cisterna

Le figliolette della vittima nell'incidente avevano riportato lesioni gravissime

LATINA – Ha causato la morte della compagna incinta, è stato arrestato a sei mesi di distanza un trentenne di Cisterna accusato di omicidio stradale aggravato, guida sotto l’effetto di stupefacenti e alcol e causata interruzione di gravidanza. La vittima che viaggiava in auto con lui insieme alle due figlie piccole di 5 e 2 anni  aveva solo 27 anni e aspettava il terzo figlio.

L’ordinanza è stata eseguita nelle scorse ore dai militari del nucleo investigativo di Latina, con i colleghi della stazione di Cisterna e della Compagnia di Velletri dove l’arrestato è stato rintracciato.  L’incidente il 21 gennaio scorso quando l’auto guidata dal ragazzo ubriaco e drogato, lanciata a folle velocità in Viale Kennedy a Cisterna era uscita di strada finendo contro un palo dell’ Enel,  ribaltandosi e prendendo parzialmente fuoco. La ragazza Valentina Picca rimasta ferita in maniera gravissima, era poi morta tre settimane dopo, il 16 febbraio, al Goretti di Latina. Con lei si era spenta anche la vita del bambino che portava in grembo.

Gravissime invece le lesioni riportate dalle due bambine: 60 e 130 giorni di prognosi. Senza considerare la perdita della mamma.
Le indagini hanno anche appurato che l’auto non aveva assicurazione e che la patente del conducente era scaduta da un anno.   Ora l’uomo si trova nel carcere di Latina

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto