ambiente

Gaeta è Spiga Verde

Dopo le Bandiere Blu e Verde, ottiene l'altro riconoscimento Fee

GAETA – Gaeta conquista per il secondo anno consecutivo la “Spiga Verde”, il riconoscimento FEE ai Comuni che intendono valorizzare e investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali. Considerato l’alter ego della “Bandiera Blu”, conferita sempre dalla FEE di cui si fregia da anni il Comune di Gaeta, il riconoscimento “Spighe Verdi” quest’anno è andato a 31 località rurali in 12 regioni d’Italia, una in più rispetto all’edizione 2017. Solo due le località del Lazio a conquistare quest’anno la “Spiga Verde”. Gaeta, unica città di mare e Canale Monterano (Roma).

Dopo la Bandiera Blu e la Bandiera Verde, riconfermate anche nel 2018, la città di Gaeta conquista nuovamente la “Spiga Verde”. Se il primo vessillo premia i migliori tratti di mare in base ad una rilevante serie di parametri ambientali ed  il secondo le spiagge a misura di bambino, la “Spiga Verde” è un segnale dell’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’ambiente rurale anche quando vengono assegnate a località marittime.

“Spighe Verdi – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano – rappresenta un efficace strumento di valorizzazione del patrimonio rurale della città, ricco di risorse naturali e culturali, anche in un’ottica di occupazione”. “Siamo soddisfatti – prosegue il primo cittadino – del conferimento degli ambiti riconoscimenti internazionali Bandiera Blu, Verde e la Spiga Verde, che per diversi anni consecutivi attestano e certificano il nostro impegno amministrativo e le azioni politiche adottate in questi anni per una tutela, valorizzazione e promozione del nostro patrimonio ambientale di Gaeta”.

Grande soddisfazione, per l’importante riconoscimento ottenuto, è espressa anche dal Vice Sindaco Angelo Magliozzi presente alla cerimonia di consegna del vessillo “Spighe Verdi” da parte di Fee Italia e Confagricoltura avvenuta il 23 luglio u.s. presso la sede romana del Ministero dell’Ambiente. “Come per le Bandiere Blu, l’iter è piuttosto impegnativo e segue lo schema Uni-En Iso 9001-2008 – spiega Magliozzi – nel programma Spighe Verdi infatti è centrale il ruolo che ha l’agricoltura nella difesa del paesaggio, nella tutela della biodiversità e nella produzione di alimenti di qualità”. “Per tale motivo – prosegue Magliozzi – intendo ringraziare in particolar modo per il lavoro svolto di raccolta ed elaborazione dati l’Ufficio Suap nella persona della Dott.ssa Sciarra che ha coordinato i lavori congiuntamente all’Ing. Valente”. “Il Comune di Gaeta – conclude il Vice Sindaco – anche quest’anno ha ottenuto il marchio di qualità avendo risposto a tutti i requisiti richiesti dal protocollo in cui è prevista la rispondenza a criteri contenuti in diverse aree tematiche acqua, energia, agricoltura, rifiuti, assetto urbanistico, tutela del paesaggio”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto