l'intervista

Una onlus per Martina: “Perché l’amore è l’unica risposta”

Sabato 15 settembre la presentazione dell'associazione Martina e la sua Luna

LATINA – “Mamma, perché?”. “Martina, guardati intorno, guarda quanti perché ci sono in quest’ospedale”. Passa davanti agli occhi uno dei ricordi di Edy, la mamma di Martina Natale la studentessa di Latina che tre mesi fa – come dice il papà Tino –  ha messo le ali.  Nella scomparsa di una ragazza di 19 anni si concentra simbolicamente tutto il dolore del mondo, ma anche tutto l’amore, quello che ha lasciato strada facendo e che è l’unica spiegazione possibile a qualunque domanda.

“E siccome non ci sono risposte, provi a cambiare la prospettiva”,  dice Edy che oggi si è ritrovata in un vortice di coincidenze, di amici e di volontari dal quale è nata l’associazione Martina e la sua Luna, una onlus che vuole  regalare sogni dove gli orizzonti sono spesso troppo corti: un viaggio, una gita, un concerto, la partita di calcio della squadra del cuore. “In nome della voglia di vivere, che era la cosa che a Martina riusciva meglio”.

“Potrebbe sembrare una sciocchezza, ma non è da sottovalutare. Poter programmare una cosa bella da fare in un momento difficile può aiutare molto, noi lo abbiamo provato sulla nostra pelle. Quanto tra cicli continui di terapie che ti devastano puoi trovare lo spazio per fare un progetto, per vivere un momento di svago, di gioco, può arrivare quella carica che serve”. E siccome la malattia dei figli spesso di rivela devastante per i genitori anche dal punto di vista lavorativo ed economico, il sostegno di qualcuno è una mano tesa.

ACOLTA L’INTERVISTA

“Ci piace pensare che sia Martina a guidarci, e a farci fare le cose che facevamo insieme – dicono Edy e Tino – non sappiamo dove questa cosa ci porterà, sappiamo solo che vogliamo aprire tante porte. Siamo solo una famiglia che vuole fare qualcosa”.

Sono già 800 le persone che in vario modo hanno deciso di partecipare alla presentazione della onlus che si terrà sabato 15 aprile nella tenuta Rosato a Borgo Bainsizza.

3 Commenti

3 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    14 Settembre 2018 alle 21:42

    Martina♥”

  2. Antonella Pecorini

    Antonella Pecorini

    15 Settembre 2018 alle 1:14

    ❤️

  3. Lorella

    16 Settembre 2018 alle 9:08

    Bellissima iniziativa e splendido l’ obiettivo che si pone. Troppo spesso ci si concentra sulla malattia tralasciando i desideri del malato. Ma se il corpo è malato l’anima è invece sana integra e piena di desideri mai realizzati. Sarebbe bello realizzare ad uno ad uno quei piccoli grandi sogni. Ringrazio perciò di cuore i genitori di Martina, auguro loro tanta forza nella certezza che avranno un aiuto speciale in tutto ciò che faranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto