economia

Sviluppo locale partecipato, primo laboratorio della rete di associazioni a Latina

L'incontro dopo la tappa pontina del tour "Lazio la Regione delle meraviglie"

LATINA – Si è svolto a Latina il primo laboratorio per lo sviluppo locale partecipato, incontro della rete di associazioni e di amministrazioni locali per illustrare e confrontare progetti e iniziative nate per dare vita a nuove opportunità di promozione e valorizzazione turistica del territorio. La rete delle associazioni nasce dopo la tappa a Priverno del tour “Lazio la Regione delle meraviglie”, il percorso avviato dall’assessorato al Turismo della Regione Lazio per costruire le strategie del nuovo Piano triennale del turismo 2018-2020.

Tanti i progetti e le iniziative illustrate nel corso dell’incontro, e tanti i temi prioritari su cui concentrare l’attenzione, tra cui il potenziamento della mobilità, dell’accoglienza e delle infrastrutture. “Sono molto soddisfatta dei risultati ottenuti dall’incontro sulle province – ha dichiarato Lorenza Bonaccorsi, assessore al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio -. Ascoltare il territorio è indispensabile per garantire un’azione efficace di governo, mirata a risolvere le autentiche esigenze, e stimola energie nuove e costruttive sui territori. La provincia di Latina ha colto immediatamente il nostro invito e ha saputo rispondere attraverso l’aggregazione di tutte le forze migliori con dei risultati che sono oggi sotto gli occhi di tutti. Per noi Latina è un modello che vogliamo portare anche sulle altre province”.

“Ringrazio la Rete delle Cantoniere (questo il nome che ha deciso di darsi il coordinamento delle reti associative avviato lo scorso 30 giugno a Borgo Sabotino) per aver saputo mettere a sistema competenze e progettualità e per aver offerto al Comune e alle altre istituzioni la loro disponibilità a contribuire ai processi di programmazione e sviluppo territoriale – afferma l’Assessora a Città Internazionale,  Politiche Giovanili, Partecipazione e Smart City Cristina Leggio -. Così come ringrazio la Regione per l’opportunità di crescita che ha dato ai nostri territori aprendosi all’ascolto e al confronto. Il percorso è avviato, è convincente e deve proseguire con un coinvolgimento attivo e aperto a tutti gli attori interessati. Il prossimo appuntamento è previsto per la fine di novembre”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto