urbanistica

Latina, rispunta il piano del colore del commmissario Nardone

In commissione l'illustrazione dell'architetto de Angelis

LATINA –  La commissione urbanistica del Comune di Latina ha riportato alla luce il piano del colore presentato dall’architetto Ugo De Angelis che ha esposto ai commissari quello ha definito “un lungo lavoro di analisi e ricerca storica che ha portato alla selezione di un abaco di colori in base al tipo di edifici presenti nel capoluogo, distinguendo tra storici, rurali e di nuova costruzione”. Il piano tiene però conto anche delle peculiarità dei borghi e della marina. È stato approvato nel 2010 con i poteri del consiglio comunale da parte del commissario Nardone, il prefetto che ha guidato il capoluogo dopo la caduta della seconda amministrazione Zaccheo.

“Si tratta di un vero e proprio tesoro – sottolinea la consigliera Maria Grazia Ciolfi – che è rimasto nascosto nei cassetti del Comune per troppi anni e che intendiamo finalmente valorizzare. La cosa che sorprende è che della sua esistenza siamo venuti a conoscenza soltanto per caso, nel più recente consiglio comunale, quando proprio Lbc voleva inserire nel documento per l’urbanistica la propria proposta per un piano del colore per la marina. Dobbiamo rilevare, in questa occasione, che seppure l’eccezione posta dalla minoranza era corretta, essa non ha fatto nulla in sede di commissione urbanistica per rendere nota questa informazione anche alla maggioranza. Avremmo guadagnato tempo tutti ed il piano del colore a quest’ora sarebbe già attuativo”.

Al termine della seduta la presidente Celina Mattei, ha annunciato che il 12 dicembre nel corso di un’assemblea pubblica sarà presentata la “Casa della Città e del Territorio”, un’associazione culturale (che dovrà essere istituita secondo precise linee guida dettate dalla delibera di Consiglio comunale votata lo scorso luglio) che avrà come finalità quella di “supportare sul piano scientifico e culturale, attraverso i metodi della partecipazione e della comunicazione, i processi di trasformazione della città di Latina e dell’area territoriale ad essa naturalmente, culturalmente ed economicamente limitrofa” ed avrà “compiti di promozione e formazione volti a diffondere la cultura e la conoscenza su temi sociali, culturali, economici, dell’architettura, del decoro urbano e dell’urbanistica”.

Nella stessa occasione nella sala De Pasquale sarà presentato anche il piano del colore analizzato oggi in commissione. “La mattinata sarà per gli addetti ai lavori – ha spiegato la presidente Mattei – mentre il pomeriggio sarà aperto a tutti. Sarà un importante momento di condivisione, che riguarda tutti. “La Casa della Città e del Territorio è stato un progetto fortemente voluto dal gruppo di Latina Bene Comune e, insieme al piano del colore esaminato oggi, porterà Latina verso la riscoperta delle proprie origini, restituirà coerenza alle future edificazioni e regolerà le ristrutturazioni in base ad un preciso assetto”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto