miticoltura

Reti di plastica nel Golfo di Gaeta, Adriano Madonna: “Si ricominci ad utilizzare lo strame”

Dopo l'inchiesta per reati ambientali che ha coinvolto 18 persone, l'allarme del biologo marino

GAETA – Un’inchiesta ha messo sotto accusa per reati ambientali, continuati e in concorso, 18 persone tra titolari delle concessioni di mitili che si trovano nel Golfo di Gaeta e lavoratori. Lì, su una superficie enorme, di 750.000 metri quadrati di mare, per anni sono stati rilasciati i retini di plastica che servono per far crescere le cozze e gli altri militi, con conseguenze certamente pesanti per il mare. Questi rifiuti hanno raggiunto le spiagge, si sono impigliati nelle reti dei pescatori, sono stati mangiati dai pesci o galleggiano indistruttibili nelle acque. E, con tutto quello che si sa oggi sugli effetti nefasti delle plastiche in  mare, la situazione preoccupa. Eppure c’è una soluzione proprio a portata di Sud Pontino, come ci racconta Adriano Madonna biologo Marino di Gaeta e fotosub.

“Basta guardare a quello che si faceva solo alcuni decenni fa nel Golfo di Gaeta dove c’era un’economia legata allo strame (l’erba spontanea che falciata e seccata può essere intrecciata e lavorata per diversi scopi). Allora la miticoltura si faceva con questo materiale naturale, completamente biodegradabile. Basterebbe ripartire da lì”, spiega  Madonna.

Ne abbiamo parlato con lui su Radio Luna

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto