11 luglio

Come il Vento nel Mare, Il Festival riparte a Latina con Dacia Maraini

Nell'edizione 2019 molto spazio alla politica e alla cultura. La manifestazione diventa itinerante

LATINA – Il confronto non ha nemici. “Come il Vento nel Mare”, il festival di cultura e politica che da tre anni anima le estati del litorale pontino dall’epicentro dell’Hotel Miramare di Capoportiere, Latina,  torna e apre al territorio coinvolgendo Sabaudia, Minturno e Cori. Torna e lancia la sfida del confronto in tempi di scontri, di sinergie e  comunicazione in tempi di arroccamenti e confini.

Vito Miceli, ideatore e promotore del Festival, Giovanna Cunetta, organizzatrice e direttrice marketing, Andrea Alicandro, direttore, hanno presentato il fitto calendario di eventi che si susseguiranno dal prossimo 11 luglio.

“Abbiamo il piacere di affidare l’apertura del nostro Festival a una delle più grandi scrittrici italiane, Dacia Maraini, una donna a che con i suoi libri e il suo impegno ha guidato molti di noi – ha spiegato Alicandro –  Maraini, per altro, ha una forte relazione con il territorio pontino, una terra che merita vetrine prestigiose e che crescerà solo facendo sistema. Per questo il nostro festival ha scelto di espandersi da Latina a tutta la provincia”.

Sei serate di libri e confronti politici e sette concerti, ha continuato ad elencare Alicandro, citando, tra gli appuntamenti: il dibattito tra Massimiliano Smeriglio, europarlamentare PD e Claudio Durigon, uomo forte della Lega di Latina;  la presenza di Vincenzo Sparagna, esponente storico della satira, già direttore de Il Male e Frigidaire, con Mario Natangelo, vignettista del Fatto Quotidiano; di Gennaro Sangiuliano, direttore del TG2;  di Francesco Rutelli già sindaco di Roma, ministro per i Beni Culturali e ora presidente dell’Anica;  Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, la giornalista e scrittrice Maria Elena Capitanio a confronto con Marta Bonafoni;  il politico, scrittore e costituzionalista, Pino Pisicchio ed i fumettisti Simona Binni e Fabrizio Gargano. Spazio anche al mondo delle fiabe con Patrizia Boi e al dibattito politico pontino con istituzioni e mondo economico del territorio. Chiuderà con un reading musicale con Marco Conidi e elementi dell’Orchestraccia.

“Animeranno la discussione – ha concluso  Andrea Alicandro – il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio;  il vicedirettore del Tg1,  Bruno Luverà, del TG3, Pierluca Terzulli, i  colleghi Mario Ajello del Messaggero e Gabrielle Cerami dell’Huffington Post, Eduardo Di Blasi del Fatto. Grazie ai nostri media partner, Latina Oggi, Radio Radicale e Orange Dream e Chiara Ferrero che ci ha guidati in molte scelte culturali”.

Vito Miceli, ideatore e promotore dell’evento da imprenditore illuminato qual è, ha sottolineato che “La cultura porta benessere anche in termini economici e ha invitato i suoi colleghi a investire in manifestazioni come questa. Poi un richiamo alla politica: “Dateci una carta di libera circolazione, snellendo gli iter burocratici che quest’anno hanno reso un po’ problematica l’organizzazione”.

ASCOLTA MICELI

Giovanna Cunetta ha ringraziato, nominandoli, uno ad uno i 27 sponsor del territorio e non solo che “ci  hanno dato, anche materialmente, l’energia necessaria”.

Quest’anno il Festival porta con sé una delle più prestigiose rassegne di jazz del territorio voluta e organizzata, per il quarto anno da Piero Cardarelli: “I suoni del Lago”. (in allegato il programma). “Cominceremo – ha spiegato – con l’anteprima a Cori, il 13 alle 21,15, presso il Chiostro di S. Oliva con Javier Girotto e Natalio Mangalavite duo Estandar”

Il presidente della Provincia, Carlo Medici;  il sindaco di Latina, Damiano Coletta; il sindaco di Cori, Mauro De Cillis, l’assessore alle Attività produttive di Sabaudia, Emanuela Palmisani e l’assessore alla Cultura di Latina Silvio Di Francia, hanno ringraziato gli organizzatori, si sono impegnati a snellire le pratiche e hanno salutato con entusiasmo l’idea del Festival itinerante.

Il primo appuntamento, dunque, alle 20 di giovedì 11 luglio con Dacia Maraini

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto