in via cattaneo

Latina, il Prefetto Trio inaugura il murales che ci interroga

Il sindaco Coletta: "Complimenti a Cheone, quest'opera è una sublimazione"

LATINA – Un invito rivolto soprattutto ai giovani a non dimenticare e a collaborare per sconfiggere la mafia. E’ quello lanciato questa mattina dal Prefetto di Latina Maria Rosa Trio durante la cerimonia di inaugurazione dell’opera realizzata dallo street artist Cheone in Via Cattaneo dove campeggiano su un muro 30×2 gli sguardi dei giudici Falcone e Borsellino. Gli occhi ridenti del primo, quelli assorti del secondo: così a Latina oggi è stata ricordata la strage di Via D’Amelio. 

“E’ un’emozione forte ogni volta – ha detto il prefetto di Latina Maria Rosa Trio –  Sono qui in omaggio agli artisti che hanno realizzato questa bellissima opera e spero che tanti ragazzi possano venire qui ad ammirarla.  La mafia un giorno sarà sconfitta, ma dipende da tutti”.

ASCOLTA IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO

“Questa data è scolpita in tutti noi, ricordiamo quei momenti, io avevo 32 anni e ricordo la sensazione di sgomento. Lo Stato ha saputo rialzarsi e rispondere anche grazie all’insegnamento di questi due uomini, sconfiggendo una fase pericolosa. Ora spetta a noi, e quest’opera è una sublimazione”, ha detto il sindaco di Latina Damiano Coletta che ha ricordato il perché il parco cittadino sia stato intitolato ai due giudici. Il murales sorge a pochi metri da un’altro luogo intitolato a una vittima di mafia, largo Peppino Impastato.

Un passaggio del discorso del SINDACO DI LATINA

4 Commenti

4 Commenti

  1. Bruno Tamiozzo

    Bruno Tamiozzo

    19 Luglio 2019 alle 15:33

    Bello… speriamo non faccia la fine di tutti gli altri….

  2. Marina Aramini

    Marina Aramini

    19 Luglio 2019 alle 16:11

    Si..ci dovrà sempre interrogare

  3. Monica Molella

    Monica Molella

    19 Luglio 2019 alle 18:30

    Veramente bello…complimenti all’artista

  4. peter rei

    20 Luglio 2019 alle 5:58

    bello, peccato per i 4 idioti che lo imbratteranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto