post

Latina, lo sguardo del giudice Borsellino sul muro di Via Cattaneo. Disegna Cheone

L'opera sarà inaugurata il 19 luglio per commemorare la strage di Via D'Amelio

LATINA – Oggi uno street artist è al lavoro in Via Cattaneo per riqualificare il muro delle ex autolinee di Latina. E’ l’artista milanese Cheone e l’iniziativa fa parte del progetto Post nata per valorizzare e riqualificare il territorio urbano attraverso l’arte. Un progetto che – spiegano gli organizzatori di Jaf e Rublanum, attraverso una ricerca approfondita sul territorio di numerose superfici e aree riqualificabili, vuole ridare un’anima a zone grigie  del tessuto urbano  attraverso il movimento artistico più importante del 21° secolo: la Street Art.  L’opera in cui spiccano (già dopo poche ore di lavoro) gli occhi del giudice Paolo Borsellino sarà inaugurata venerdì (10.30) in occasione della commemorazione dei 27 anni dalla Strage di via D’Amelio.

E’ la prima fase del progetto che sarà illustrato nei dettagli giovedì alle 17.30 al Museo Cambellotti: “Un lavoro – spiegano gli organizzatori – durato diversi mesi in quanto volevamo, fin da subito, progettare e lavorare anche per gli interventi che verranno realizzati in seguito in altre aree del territorio. Grazie alla partecipazione dell’artista milanese Cheone, che con la sua tecnica del foto realismo, e del collettivo 148, a Latina si inizierà a respirare arte di strada ma soprattutto cambierà l’aspetto di determinate superfici murarie. Sono previste diverse attività all’interno del progetto Post, attività che, per questa prima fase avranno il compito di far avvicinare il cittadino a questa realtà a questo movimento artistico culturale per cercare di capire il valore e l’efficienza che tale progetto può avere in termini di riqualificazione e anche turistica”.
Alla presentazione prenderanno parte l’assessore alla cultura del Comun e di Latina Silvio Di Francia, l’assessore al decoro e manutenzione, Emilio Ranieri, il Presidente commissione Cultura del Comune di Latina, Fabio D’Achille con Giacomo Marinaro Curatore progetto Post e a.p.s Rublanum, Pier Luca Dussich dell’associazione Jaf, l’artista Cheone e gli artisti del Collettivo 148 .

Venerdì 19 luglio presso il Bar Bapapà, in Parco San Marco, in cui si svilupperà un Laboratorio Artistico per bambini sulla Street Art e sull’Hip Hop tenuto dall’a.p.s Rublanum in collaborazione con Loco Jungle.

4 Commenti

4 Commenti

  1. Assunta Sacchetti

    Assunta Sacchetti

    17 Luglio 2019 alle 11:28

    a me interessano strade e marciapiedi sistemati no ste non so come chiamarle

  2. Paola Colandrea

    Paola Colandrea

    17 Luglio 2019 alle 13:56

    Bellissima iniziativa

  3. Beatrice Fronczyk

    Beatrice Fronczyk

    17 Luglio 2019 alle 13:58

    Magari venisse a fare il muro di casa mia…..e si kiama arte qst signora cara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto