distretto latina 2

Sabaudia dice si alla gestione associata dei servizi sociali

Con Latina (capofila), Sermoneta, Norma e Pontinia

SABAUDIA – E’ stata approvata durante l’ultima riunione della Commissione permanente per la sanità la convenzione per la gestione associata dei servizi sociali tra i Comuni del Distretto socio sanitario Latina 2.

L’accordo, che coinvolge il Comune di Latina (in qualità di capofila), Sabaudia, Sermoneta, Norma e Pontinia, rappresenta un tassello fondamentale in quadro più ampio e sinergico orientato a rafforzare la pratica dell’integrazione socio-sanitaria. Il primo step, raggiunto con la firma della convenzione, prevede inizialmente la gestione in forma associata e temporanea delle prestazioni alla persona il secondo, invece, vedrà la nascita di Consorzi entro un termine di 5 anni fissato dalla normativa regionale.

Le attività oggetto della convenzione – spiegano in una nota dal Comune di Sabaudia –  si basano sui principi di cooperazione e promozione della cittadinanza sociale e sono rivolte a garantire il pieno rispetto dei diritti nonché il sostegno delle persone, delle famiglie, delle formazioni sociali e delle responsabilità dei soggetti istituzionali e sociali per la costruzione di una comunità solidale e devono essere gestite nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, nonché economicità, efficienza, efficacia e trasparenza.

Un passaggio obbligato per rafforzare l’efficacia e garantire il coordinamento e l’integrazione con i servizi sanitari erogati dal sistema sanitario regionale. “Esprimo profonda soddisfazione per l’approvazione della convenzione che ora approda in Consiglio – ha dichiarato l’assessore Ennio Zaottini – perché rappresenta un passo fondamentale verso la stabilizzazione e l’ottimizzazione delle prestazioni rese dai servizi sociali. La firma della convenzione è condizione improcrastinabile per il raggiungimento di un livello di assistenza più adeguata ai fabbisogni dei cittadini del nostro territorio”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto