cronaca

Guardia Costeria salva famiglia in difficoltà al largo di Sperlonga

Domenica pomeriggio a Formia un natante è affondato, in salvo 5 ragazzi

Shares

SPERLONGA – La Guardia Costiera ha salvato ieri sera, intorno alle 18.30, una unità da diporto in procinto di affondare a Sperlonga. La motovedetta in servizio di ricerca e soccorso è riuscita a raggiungere l’unità che imbarcava acqua e trarre in salvo i 3 occupanti, 2 adulti e un bambino originari di Latina. I militari con le dotazioni di bordo si sono poi prodigati affinchè l’unità non affondasse. Fortunatamente solo un grande spavento per i 3 diportisti.

FORMIA – Ieri pomeriggio invece, a Formia, la Guardia Costiera di Gaeta è intervenuta dopo una segnalazione, per un natante in procinto di affondare nel tratto di mare davanti alla pineta di Vindicio. A bordo dell’unità, un natante di circa 5 metri, erano presenti 4 giovani ragazzi di origini campane che sono stati prontamente recuperati da un’imbarcazione che si trovava nelle vicinanze. La Sala Operativa della Guardia Costiera ha coordinato le operazioni di intervento sul natante semiaffondato per evitare situazioni di inquinamento dell’ambiente marino. Sul punto dell’affondamento, a circa trecento metri dalla costa, è intervenuta una Motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta: del piccolo natante emergeva dall’acqua solo una piccola parte della prua, così l’equipaggio della motovedetta ha subito verificato che non vi fossero potenziali fonti inquinanti e, quindi, che il sinistro non avesse determinato alcun danno per l’ambiente marino.

I militari hanno quindi diffidato il proprietario della barca al recupero della stessa a tutela dell’ambiente marino e costiero.

Il proprietario ha così provveduto nell’immediatezza a contattare una ditta locale specializzata che si è occupata della rimozione del natante affondato per il successivo trasporto al Cantiere navale per le verifiche del caso. Sono in corso gli approfondimenti per determinare la causa dell’incidente che avrebbe potuto avere un più grave epilogo.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto